Home Interviste Intervista esclusiva ad Antonio Tentori: ai nostri microfoni il co-sceneggiatore di ‘Dracula...

Intervista esclusiva ad Antonio Tentori: ai nostri microfoni il co-sceneggiatore di ‘Dracula 3D’

CONDIVIDI

Ecco l’intervista ad Antonio Tentori co-sceneggiatore di ‘Dracula 3D’:
Hai lavorato alla sceneggiatura di ‘Dracula 3d’, cosa ti ha lasciato questa esperienza?
Lavorare con Dario Argento è stata un’esperienza indimenticabile, adrenalinica. E’ un lavoro che mi ha lasciato l’energia e il desiderio di continuare a scrivere per il cinema che amo da sempre, con rinnovato entusiasmo.

Cosa ti aspetti dall’opera di Dario Argento? Potrà rilanciare un genere?
Da Dracula 3D mi aspetto un film diverso sul principe delle tenebre, un Dracula visto da Argento e con il valore aggiunto del 3D. Non so se potrà rilanciare un genere, so che comunque è un film importante non solo per Dario ma anche a livello internazionale.

E’ sintomatico che dietro al film ci sia una co-produzione estera, cosa non funziona nel nostro paese?
In Italia funziona ben poco, purtroppo, nell’ambito del cinema horror e thriller. E’ una vecchia questione. I produttori che investono realmente in questi generi sono rarissimi, i più non ci credono e preferiscono puntare sulla commedia, che è il genere più richiesto. E’ quindi evidente che per riuscire a chiudere una produzione come quella di Dracula 3D è necessario l’intervento di una coproduzione estera, cosa che in fondo si è spesso fatta.

Rutger Hauer ha preso parte al film. Un grande personaggio torna a far parlare di sè. Come si è comportato sul set?
Rutger Hauer è un attore carismatico, un grande professionista e una persona straordinaria. Ho avuto il piacere di
incontrarlo sul set del film e di parlare con lui. Abbiamo parlato del suo ruolo e in particolare della scena finale, che è molto particolare. Lui aveva compreso perfettamente lo stato d’animo di Van Helsing e lo ha reso in maniera eccellente.

A cosa sta lavorando Antonio Tentori ora?
Sto lavorando al nuovo film di Luigi Pastore e a un altro progetto, un’opera prima, che non è un horror ma un avventuroso. Poi ci sono anche altri progetti, si vedrà nel tempo.

Come ti vedi tra dieci anni?
Sono spaventato dal tempo che passa quindi a questa domanda preferisco non rispondere!

Quali sono i film che più ti hanno impressionato negli ultimi anni?
Tralascio volutamente gli italiani perché sono troppo di parte! Quindi, la serie di Saw, The Ring, The Descent, Rec, Martyrs.