Home News Le vite dei registi: Eli Roth, il nuovo horror

Le vite dei registi: Eli Roth, il nuovo horror

LE VITE DEI REGISTI ELI ROTH –

Eli Roth nasce a Newton (Massachusettes) da una famiglia ebraica di origini austriache, russe e polacche, il padre psichiatra e professore universitario a Harvard la madre pittrice.

Eli Roth a soli 8 anni dopo aver visto ‘Alien’ di Ridley Scott Roth si appassionò al cinema.

Con i fratelli Adam e Gabe prima di laurearsi alla Newton South High School aveva già girato più di 50 cortometraggi. Si laureò alla New York University nel 1994.

Uno dei suoi primi lavori gli fu affidato dall’attrice Camryn Manheim, rivedere i copioni della serie TV ‘ The Pratice’. Divenne uno dei pupilli del produttore Frederick Zollo, abbandonò per qualche tempo la sceneggiatura, per guadagnarsi da vivere si mise a lavorare come commesso produttore per il film   ‘Il Gioco dei Rubini’ e ‘ Illuminata’ del 1998.
Nel 1995 Roth con il compagno di stanza dell’università Randy Pearlstein scrisse ‘Cabin Fever’nello  stesso tempo lavorava come assistente alla produzione di ‘Private Parts’ di Haward Stern, che si c complimentò con lui per la sua trasmissione radiofonica andata in onda l’11 gennaio 2006.

Il film ‘Cabin Fever’ venne girato nel 2001 con un budgt di 1,5 milioni di dollari, e nel 2002 venne venduto alla Toronto Film Festival per 3,5 milioni di dollari, riscuotendo buone critiche e ottimi incassi.

Il secondo film di Roth ‘Hostel’ venne girato con un budget inferiore ai 4 milioni di dollari nel 2005.
Nel gennaio del 2006  era 1° al botteghino guadagnando la cifra di 20 milioni di dollari, battendo
‘Le cronache di Narnia’ In totale incassò ben 80 milioni di dollari, e quando usci in Home Video raggiunse la cifra di 180 milioni di dollari, nell’aprile del 2006 si  riconfermò al primo posto nella Top Ten delle vendite, battendo ancora una volta ‘Le Cronache di Narnia’.

Per girare ‘Hostel’ Roth rifiutò molti impegni come regista, tra cui ‘Hazzard’ e ‘La Maschera di Cera’
tenne basso il suo budget per il film  perché non vi fossero ristrettezze sulle scene di violenza. Il film lo girò come un NC-17 (in Italia V14) ma venne comunque censurato con una R

Gennaio 2006 il New York Magazine dichiara che Eli Roth  è riuscito a creare un genere particolare di film Horror,” Il-Torture” Porno o Gorno (Gore+Porno), con le scene di violenza estrema riesce a eccitare le platee come durante l’atto sessuale.

Roth ha detto pubblicamente che molti critici riducono i film Horror ad un livello inferiore ai porno, invece molti film Horror sono molto migliori di quello che i critici stessi affermano.

Nel 2007 durante le riprese di ‘Hostel parte II’ Roth ha diretto il “Fake Trailer” ‘Thanfsigiving’ inserito in ‘Grindhouse’ di Quentin Tarantino e Robert Rodriguez. In alcune interviste recenti Roth ha espresso l’interesse che ha nel girare uno Slasher che segua le orme del già visto ‘Fake Trailer’.

Nel 2009 gira ‘Stolz Der Nation’ cortometraggio inserito nel film ‘ BBastardi Senza Gloria’ di Quentin Tarantino, film sulla Seconda Guerra Mondiale, nel quale Roth appare come attore.

Roth è anche animatore cinematografico, ha scritto, diretto, prodotto e doppiato, due serie televisive “Chowdaheads” nel 1999 e “The Rotten Fruit” nel 2000.

Roth ha sempre amato il cinema italiano come il suo amico Q. Tarantino, crescendo con i film italiani che hanno fatto epoca, ‘ L’Avventura’ ‘Ladri di Biciclette’ e i film di Rossellini.
Dopo aver visto il film di Lynch ‘Velluto Blù’ iniziò ad amare il cinema Horror italiano di Lucio Fulci, Dario Argento, Umberto Lenzi e Ruggero Deodato. Anche il cinema italiano degli anni 70 lo affascinava, tanto che imparò a parlare italiano vedendo i film interpretati da Bombolo, Lino Banfi e Edwige Fenech.

 

Roberta Parisi