Home Personaggi Noemi stava perdendo la vista, il momento più buio: colpa della derealizzazione

Noemi stava perdendo la vista, il momento più buio: colpa della derealizzazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:31

La nota cantante Noemi ha aperto le porte ad un suo momento delicato. Un periodo buio e in cui stava perdendo la vita. Grazie a lei si fa luce su un disturbo ancora poco conosciuto.

Tra le voci più importanti del panorama musicale italiano troviamo Noemi. La cantante, oltre a ricevere un grande apprezzamento per la sua arte, si è confessata in maniera profonda e delicata. Parole che hanno portato a far luce su un disturbo che ancora oggi è poco indagato.

Noemi
Fonte foto: Instagram

Gli artisti assumono, in certi casi, anche il compito di modelli di riferimento. Con il loro racconto si possono portare alla luce delle situazioni che, al momento, non erano a disposizione di tutti. In questo caso ci riferiamo alla derealizzazione. Questa, solo negli ultimi anni è stato considerato come un disturbo. Ma ne ha fatta di strada per diventare ciò.

Di recente, Noemi è stata protagonista di una bella intervista al programma Belve di Rai 2. In quella occasione ha svelato di aver sofferto questa patologia. Le sue parole hanno aperto uno fronte ampissimo su questo disturbo. Ma cos’è la derealizzazione? Scopriamo insieme cause e sintomi di una patologia ancora poco conosciuta.

Noemi, che cos’è la derealizzazione? Sintomi e cura

Grazie alla confessione di Noemi, si è fatta luce sulla derealizzazione. Parliamo di un disturbo psichico dove si perde il senso della realtà. La sensazione è quella di sentirsi esterni al proprio corpo. Un po’ come se fossimo in stand-by. Si perde di vista lo spazio e il tempo. Questo disturbo si collega al circa 2% delle persone in Italia ed è stato conosciuto proprio grazie alle parole di Noemi.

Il suo nascere è completamente improvviso e può diventare pian piano una patologia. In alcuni casi questa è lieve anche se compromette i rapporti sociali. Chi soffre di questo disturbo sottolinea di come la percezione sia quella di vivere in un mondo annebbiato, non reale. La sensazione è quella di ‘ovattamento’. Chi ne soffre non sa bene spiegare i proprio sintomi.

Tra i sintomi più frequenti troviamo gli attacchi di panico e la crisi d’ansia. A queste si collegano le fobie e risultare ipocondriaci. Molto spesso si pensa ad alcune situazioni e si instilla l’idea di aver assunto un comportamento sbagliato. La cura, come possiamo immaginare, è quella della psicoterapia che ci permette di indagare a fondo del problema. Cosa che permette di trovare un certo equilibro psichico.

Insomma, le parole di Noemi hanno aperto un vaso davvero molto importante. La confessione della cantante ha permesso di fare luce su un disturbo che colpisce molte persone. Un piccolo inizio che può permettere a molti, magari, di trovare una risposta al proprio stato d’animo così da poter iniziare un percorso insieme ad un terapista. Non è nuova la cantante ad uscite di un certo peso. Qualche tempo fa ha risposto agli haters su un altro argomento sensibile.