Home Cinema Morto Kim Ki Duk, il mondo del cinema piange un grandissimo artista

Morto Kim Ki Duk, il mondo del cinema piange un grandissimo artista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:10
CONDIVIDI

In questo terribile 2020 è morto anche Kim Ki Duk, ci lascia a soli 59 anni il regista sudcoreano per il Covid 19.

Kim Ki Duk (Getty Images)
Kim Ki Duk (Getty Images)

L’artista era in Lettonia e apprendiamo da Delfi.it che ha perso la vita. Era arrivato in Lettonia il 20 novembre scorso nella località marittima di Jurmala, si dice che stesse pensando di comprare una casa. Da diversi giorni però il suo entourage lamentava il fatto di non averlo più sentito. Sicuramente è stato uno dei più grandi precursori della storia del cinema, regista d’avanguardia e grandissimo autore che era ancora giovane e poteva regalarci davvero tanti altri capolavori.

Leggi anche —> Pietà nelle sale

Morto Kim Ki Duk, addio struggente

Kim Ki Duk (Getty Images)
Kim Ki Duk (Getty Images)

Il mondo del cinema viene a sapere che Kim Ki Duk è morto e gli riserva un addio struggente. È con immenso dolore che perdiamo uno dei più grandi registi contemporanei, autore di film di altissimo calibro che hanno cambiato per sempre la storia del cinema. Era nato a Bonghwa il 20 dicembre del 1960 ed era considerato uno dei più grandi di sempre anche se era ancora abbastanza giovane, al momento della sua morte infatti aveva appena 59 anni ne avrebbe compiuti sessanta proprio tra pochi giorni.

Il suo esordio era arrivato con Coccodrillo nel 1996, ma aveva conosciuto il grandissimo successo internazionale nel 2003 con Primavera, estate, autunno, inverno e ancora primavera. Portando l’Europa a riscoprirne anche i grandi capolavori del passato. L’ultimo grande successo è targato 2016 e si intitola Il prigioniero coreano per riflettere sul grande dubbio e la divisione all’interno del suo paese, proprio da lui che di politica non aveva mai parlato. L’ultimo film risale al 2018 e si intitola Human, Space, Time and Human mai distribuito in Italia. Speriamo che venga ricordato degnamente anche dal nostro paese magari con qualche restrospettiva in questi giorni.