Home News “Vite al limite”, sei i morti accertati, ecco chi sono

“Vite al limite”, sei i morti accertati, ecco chi sono

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:55
CONDIVIDI

“Vite al limite” non sempre ha ottenuto il successo sperato. 6, Ad oggi, i morti accertati, qualcuno aveva anche meno di 30 anni.

Vite al limite, dalla prima edizione del 2012, il professor Nowzaradan ha “salvato” diverse persone dall’incubo dell’obesità.

Sfortunatamente non tutti sono riuscite a uscirne e qualcuno ci ha rimesso la vita.

Vite al limite 6 morti, chi erano

Vite al limite, dagli esordi, sono sei le morti accertate. L’ultimo, avvenuto proprio qualche mese fa, è Sean Milliken, un ragazzo di 29 anni che purtroppo non è riuscito a superare il suo grave problema di obesità. Nonostante gli sforzi e il sostegno dei dottori, il giovane è deceduto proprio a causa del peso folle. Assieme a lui altri cinque ci hanno rimesso la vita.

In ordine ricordiamo Henry Foots, texano 54enne, che a più riprese tentò di arrivare a un peso forma dopo aver peso 125 sul oltre 300. Lui è morto nel 2013, 18 mesi dopo l’inizio della cura, travolto da un incidente. Robert Buche, aveva 141 anni invece quando si sottopose alle cure per perdere peso: lui è morto il 15 novembre 2017. Quest’ultimo proveniva dal New Jersey e, a causa di una forte depressione che lo spingeva a mangiare oltremisura, arrivò a pesare oltre 400 chili. Prima di morire, era riuscito a perdere 60 chili grazie al By pass gastrico.

Kelly Mason invece, pesava oltre 300 chili quando decise di affidarsi al professor Nowzaradan: la donna soffriva di diabete, pressione alta, reflusso, artrite e aveva anche difficoltà respiratorie. La sua morte è avvenuta nel sonno a causa di un arresto cardiaco il 15 febbraio 2019.

Lisa Fleming, altra protagonista de la sesta edizione del programma, quando si è rivolta ai dottori pesava circa 350 chili. La donna era riuscita a perdere 80 chili, ma non era riuscita a mantenere il suo peso e tornò alle vecchie abitudini. Lisa recuperò circa 30 chili e morì poco dopo.

James Bonner, dopo l’intervento sul suo corpo, è stato l’unico ad essersi tolto la vita. Aveva solo 30 anni quando si sparò un colpo di pistola, morendo sul colpo. Il ragazzo pesava 300 chili circa e si era rivolto a Nowzaradan per perdere peso; a 5 anni dall’intervento si sparò.