Home Personaggi Maurizio Costanzo, l’attacco a Barba D’Urso

Maurizio Costanzo, l’attacco a Barba D’Urso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:05

Maurizio Costanzo stasera farà una breve incursione al programma Maledetti Amici miei, in onda questa sera su Rai Due.

Maurizio Costanzo

Margherita Buy e Max Tortora anche questa sera prenderanno parte alla nuova puntata di Maledetti Amici miei, condotto da Alessandro Haber, Rocco Papaleo, Sergio Rubini e Giovanni Veronesi.

Il programma che ha debuttato proprio in questa stagione televisiva è diretto con la regia di Cristiano D’Alisera e fortemente voluto dal diretto re di rete Carlo Freccero.

Maurizio Costanzo e l’attacco a Barbara D’Urso

Maurizio Costanzo, giornalista e conduttore televisivo e radiofonico, ha avuto da ridire sulla lunghezza dei programmi condotti da Barbara D’Urso.

Il giornalista, nonostante la stima e l’affetto per la conduttrice mediaset, ammette che forse sarebbe meglio far finire le sue strisce quotidiane un poco prima, in modo anche da far respirare il pubblico.

Ad ogni modo il conduttore romano, inizia a lavorare a soli diciotto anni come cronista del quotidiano Paese Sera, per poi arrivare a collaborare con TV Sorrisi e Canzoni e poi come caporedattore di Grazia.

In tv esordisce con i talk-show e in poco tempo arriva al successo con Bontà Loro, Acquario, Grand’Italia, Fascination, fino ad arrivare al Maurizio Costanzo Show: spettacolo televisivo considerato il più longevo della storia della televisione.

Vita privata e il ricordo dell’attentato

Sposato dal 1995 con Maria De Filippi, arrivato in tarda età e dopo altre tre relazioni finite, con Marta Flavi, Simona Izzo e Lori Sammartino madre dei suoi due figli: Saverio e Camilla. Con la conduttrice mediaset, invece ha adottato Gabriele.

La sua vita è stata messa in pericolo proprio una delle tante sera in macchina con Maria, mentre i due passavano su Via Fauro. Ad esplodere fu una fiat uno imbottita di novanta chilogrammi di tritolo.

Le cause di questo gesto pare vadano attribuite al suo impegno contro la mafia.

Argia Renda