Home News Alcune curiosità su “Nightmare – Dal profondo della notte”

Alcune curiosità su “Nightmare – Dal profondo della notte”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:32
CONDIVIDI

Nightmare

Ben trentuno anni fa fece la sua apparizione nelle sale cinematografiche, portando a conoscenza degli spettatori di tutto il mondo Freddy Krueger, individuo sfigurato e indossante maglione a strisce verdi e rosse orizzontali, cappellaccio e guanto munito di quattro affilati rasoi come se fossero lunghe unghie, che, bruciato vivo dagli abitanti di Springwood perché responsabile di violenze ed uccisioni ai danni di alcuni bambini locali, tornava a manifestarsi nei sogni degli adolescenti per massacrarli prima del loro risveglio.

Capolavoro del compianto Wes Craven, Nightmare – Dal profondo della notte torna in tutte le sale del circuito The Space Cinema il solo 30 ottobre 2015, venerdì d’apertura di Halloween, permettendo agli spettatori italiani di rivivere su grande schermo la genesi del Signore degli incubi che, interpretato da Robert Englund e tornato all’opera in sei sequel, una serie televisiva, un remake e il cross over “Freddy vs Jason”, annovera nel suo primo film anche la presenza di un esordiente Johnny Depp.

Ma quanti sono a conoscenza del fatto che la storia è stata ideata da Craven dopo aver letto un articolo del Los Angeles Times che parlava di un ragazzo tormentato da terribili incubi e che, oltre a fare di tutto per non dormire, morì nel sonno davanti ai suoi genitori?

E del fatto che Freddy Krueger, il cui nome viene da un bullo che tormentava il regista a scuola, indossi un cappello identico a quello di un tizio che, una sera, lo fissò dalla strada mentre era affacciato alla finestra da bambino?

Inoltre, in una sequenza del film la protagonista Nancy guarda in tv “La casa” di Sam Raimi, probabilmente per ricambiare l’omaggio che il futuro autore della trilogia “Spider-man” aveva fatto a Craven facendo apparire nella pellicola in questione un poster strappato del suo “Le colline hanno gli occhi”.

Mentre il momento in cui la stessa sale le scale sprofondandovi con i piedi è stata realizzata utilizzando impasto per frittelle.