Home Personaggi Cibo Supersonico, perché si chiamano così? Il retroscena sulla loro attività

Cibo Supersonico, perché si chiamano così? Il retroscena sulla loro attività

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06

Cibo Supersonico è un progetto che vede dietro l’idea originale e la creatività di due ragazze che hanno deciso di mettersi in gioco. Ma perché si chiamano così?

Francesca e Chiara, sono loro le ragazze che sono dietro al progetto originale di cucina itinerante. Un’idea vincente, visto il risultato, che è stato premiato da moltissime persone. Scopriamo qualcosa in più su di loro e su questo modello di business.

Cibo Supersonico

Negli ultimi anni per cercare di emergere è fondamentale essere originali. E questo Francesca e Chiara lo hanno capito bene, visto che hanno messo in piedi uno dei progetti più originali degli ultimi anni. Un modello di business moderno che rompa con lo stile di vita frenetico in cui siamo abituati a vivere.

Cibo Supersonico è un progetto di cucina itinerante che porta a tavola piatti a base vegetale. Ma lo fanno in maniera del tutto inusuale. Non pensate che ci sia un ristorante tipo quello di Carlo Cracco dove basta prenotare e sederi. La location in cui è possibile assaggiare le pietanze sono le case delle persone che le ospitano per un’esperienza sui generis.

In pratica la persona che vuole provare questa esperienza non deve fare altro che chiamarle ed ospitarle a casa sua. Ma non è un catering, loro preparano i piatti nella vostra cucina creando un momento di intimità unico. Ma scopriamo qualcosa di più di questo progetto: come è nato, quando è apparso per la prima volta e soprattutto perché si chiama così.

Quanto guadagna Carlo Cracco? Per farsi un’idea, ecco quanto costa una cena nei suoi locali

Cibo Supersonico cos’è: la cucina itinerante di Francesca e Chiara

Oggi lo conosciamo come un progetto di cucina itinerante, ma Cibo Supersonico è nato come blog nel 2013. L’idea di base è partita da Francesca che ha pensato di condividere articoli legati a prodotti km zero e ricette varie. Il nome del blog è dettato dalla passione per il cibo, la cucina e per l’autoproduzione.

Ma la grande visibilità è arrivata solo in seguito e dall’arrivo di Chiara che ha iniziato a curare i social e la comunicazione. Il vero “salto di qualità” e la scelta di condividere i piatti con gli altri è arrivato dietro un evento complicato. Nel 2016 Francesca ha scoperto di avere un tumore al seno.

Dopo aver vinto la sua lotta contro il cancro ha deciso, con la complicità di Chiara, di condividere la sua esperienza con le persone. Un’avventura partita prima con gli amici e poi anche con gli sconosciuti. Una vera e propria attività dove le due ragazze parlano non solo di cibo, ma condividono anche le loro storie.

Alessandro Borghese, conoscete il suo ristorante? Ecco quanto costa una cena

Un progetto che ha preso piede rapidamente e inaspettatamente come hanno raccontato durante un’intervista rilasciata al portale CureNaturali.it. Basta pensare che il loro profilo Instagram conta quasi 50 mila follower. Francesca e Chiara hanno racconto la loro storia in un libro dal titolo “Cibo Supersonico. La nostra storia, le nostre ricette”.