Home Cinema Carlo Verdone, la svolta inaspettata: così è cambiata la sua vita

Carlo Verdone, la svolta inaspettata: così è cambiata la sua vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30

Carlo Verdone non lo può dimenticare e ancora oggi a distanza di tanti celebra il grande ricordo che per lui ha segnato la vera svolta.

Carlo Verdone
Getty images

Il regista e attore romano resta ancora oggi uno dei pilastri fondamentali del cinema italiano, nessuno può dire di non aver visto almeno una volta nella vita uno dei suoi film che sono delle vere pietre miliari.

E come ognuno ha il suo preferito, anche lui proprio nelle scorse ore ha deciso di celebrare la pellicola che come ha ammesso gli ha cambiato la vita e forse l’ha cambiata anche al cinema italiano.

“Lui è stato il film della svolta, quello che mi ha consentito di proseguire la carriera” ha scritto il romano su Facebook, ma entriamo nello specifico e scopriamo di cosa si tratta.

Carlo Verdone, avete mai visto sua figlia Giulia? E’ Bellissima

Carlo Verdone festeggia Borotalco: “menomale che c’è stato”

Carlo Verdone festeggia Borotalco, il film che ha segnato la svolta nella sua carriera e che usciva nelle sale il 22 Gennaio del 1982 riscuotendo un successo che forse nemmeno il diretto interessato si sarebbe mai aspettato.

“Quando uscì nelle sale, capii che avevo centrato in pieno l’obiettivo: per mesi e mesi al bar, sugli autobus, per strada, la gente ne ripeteva le battute…. il cargo battente bandiera liberiana le olive greche” ha scritto nel suo post il regista e ancora: “se non ci fosse stato il successo di Borotalco sarei rimasto “quello che fa i personaggi”.

Davvero un ricordo eccezionale che nonostante il passare del tempo resta immortale agli occhi delle tante generazioni di persone che anche una volta nella vita hanno avuto il piacere di vederlo e che ha segnato il successo non solo suo ma anche dei tanti protagonisti presenti nella pellicola.

Gianna Scarpelli ex moglie Carlo Verdone, i due non hanno mai divorziato

Borotalco vinse cinque David di Donatello, una cosa eccezionale: io come attore, Eleonora Giorgi come attrice, Angelo Infanti come attore non protagonista, Lucio Dalla e Fabio Liberatori per le musiche, e poi come miglior film” ha concluso infine l’attore che ha fatto commuovere anche tutti i suoi fan.