Home Televisione Non è la Rai compie 30 anni, ecco come rivedere le storiche...

Non è la Rai compie 30 anni, ecco come rivedere le storiche puntate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43

Non è la Rai, lo storico programma di Gianni Boncompagni compie 30 anni; ecco come rivedere tutte le puntate.

Non è la Rai
screenshoot tv

Sono passati esattamente trent’anni dalla prima puntata dello storico show ideato da Gianni Boncompagni, andato in onda dal 9 Settembre 1991 fino al 30 Giugno 1995 per quattro edizioni.

Oggi dopo tutto questo tempo, sono ancora molte le persone ad essere cresciuto proprio con le ragazze che nel corso delle varie puntate sia alternavano sul palco, alcune di loro sono poi diventate famose in diversi settori del mondo dello spettacolo.

Per la bella occasione, proprio in televisione e in chiaro saranno rimandate in onda le storiche puntate, una vera e propria maratona con l’intervista a Irene Ghergo, autrice e collaboratrice di Boncompagni.

Non è la Rai torna in tv, su Mediaset Extra la maratona

Non è la Rai torna in televisione, sarà proprio Mediaset Extra a riproporre la maratona di tutte le puntate andate in onda dal 1991 fino al 1995 con grande successo.

Si comincia Domenica 8 Settembre dalle ore otto fino alle ore diciassette per tutto il giorno, il canale celebrerà i trent’anni della storica trasmissione che ha rivoluzionato la televisione italiana di quegli anni.

Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, negli anni novanta grazie all’idea di Gianni Boncompagni è andata in onda questa trasmissione che aveva come protagoniste le ragazze che nel corso delle puntate si esibivano in canti, balletti, giochi telefonici e molto altro.

La prima edizione vide la guida di Enrica Bonaccorti, la seconda di Paolo Bonolis e le ultime due di Ambra Angiolini, rimasta nell’immaginario di tutti i telespettatori proprio la beniamina di quegli anni e di quel format, nonostante la lunga e importante carriera che ha costruito inseguito.

Insomma davvero una bellissima occasione quella proposta da Mediaset Extra per fare un bellissimo tuffo nel passato e rivivere dei momenti che con lo scorrere del tempo sono andati persi e poi la fine dell’estate è il momento perfetto per essere almeno in parte un pochino malinconici.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Gianni Boncompagni, il regista più “criticato” degli anni novanta

Restiamo dunque in attesa di questo grande giorno, certi che oggi come allora, sarà ancora una volta, un grande successo.