Home Cinema Benigni, ha copiato il discorso? Polemica sul web

Benigni, ha copiato il discorso? Polemica sul web

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:08

Roberto Benigni ha copiato una parte del suo discorso che ha fatto durante la Mostra del cinema di Venezia? Quella parte è identica.

benigni

Ha fatto davvero commuovere tutti quanti il discorso di Roberto Benigni durante la Mostra del Cinema di Venezia in cui ha ricevuto  il premio alla carriera, qualcosa di davvero straordinario ed allo stesso tempo meritato per un attore che ha letteralmente fatto la storia del cinema. Impossibile dimenticare un vero e proprio capolavoro come “La vita è bella”.

Quando ha ricevuto questo straordinario premio, il noto attore toscano ha voluto fare un bellissimo discorso molto commovente in cui non è mancata una dolcissima dedica alla sua splendida moglie Nicoletta Braschi il cui amore è sempre stato una grandissima fonte di ispirazione per lui.

Una piccola parte di questo, tuttavia, i fan più attenti hanno notato essere uguale ad un verso di una poesia molto amata e famosa.

Sul web alcuni hanno sostenuto che fosse copiato, altri invece soltanto una bellissima citazione. Ecco la frase, per così dire, “incriminata” che ha letteralmente spaccato in due il web.

Benigni dedica moglie: frase copiata da Jorge Luis Borge?

Roberto Benigni ha avuto modo di fare questo toccante discorso alla Mostra del Cinema di Venezia in cui tuttavia una frase, mentre si stava riferendo alla moglie, ha fatto impazzire il web: era copiata?

La frase in questione era questa, che di fatto è stata  anche un passaggio del suo discorso: “Stare con te o non stare con te è la misura del mio tempo.”

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Roberto Benigni e Nicoletta Braschi, perché non hanno figli?

Questa frase è di fatto un verso di una bellissima poesia di Jorge Luis Borges, artista che sicuramente il noto attore e regista toscano conosce e che, quindi, probabilmente, potrebbe avere voluto omaggiare dedicando questo dolcissimo verso alla sua dolce metà, la cui storia d’amore va avanti da tantissimi anni nella privacy più totale.

Insomma, Benigni ha copiato o meno questa parte del discorso? Poco importa, quel che conta è che questo straordinario riconoscimento da parte del cinema italiano ed internazionale gli sia stato conferito.