Home News Ex giornalista Mediaset furioso: “Sempre più donne nei programmi sportivi”

Ex giornalista Mediaset furioso: “Sempre più donne nei programmi sportivi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:23

Un ex giornalista e volto noto di Mediaset dopo un post su Twitter ha fatto scattare la polemica: il web si spacca in due, piovono insulti.

mediaset studio

È successo davvero di tutto sotto il post di Twitter che è stato pubblicato sui social network da parte di uno storico volto del giornalismo italiano: stiamo infatti parlando di Paolo Bargiggia che ha avuto modo di dire la sua riguardo al fatto che ormai ci sono davvero tantissime donne alla conduzione di programmi di natura sportiva.

Questo fatto ha scatenato letteralmente tantissime persone: da una parte, infatti, c’era chi sostanzialmente era d’accordo con lui e chi, invece, era totalmente contrario e, anche con insulti gratuiti, ha espresso il suo punto di vista davvero molto chiaro e diretto.

Ecco il post che ha suscitato tutto questo caos, tra sostenitori ed accaniti contrari.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Sanremo 2022, due volti Mediaset alla conduzione? Lo scenario

Paolo Bargiggia sulle donne nei programmi sportivi: su Twitter è polemica

Ecco il post su Twitter di Paolo Bargiggia, famosissimo giornalista sportivo, opinionista e grande esperto di calciomercato, riguardo al ruolo sempre più importante e centrale delle donne alla conduzione di programmi sportivi. 

Da questo punto di vista l’ex volto di Mediaset sembra avere le idee molto chiare.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE  >>> Katia Serra, dopo Euro 2020: “Da lunedì disoccupata”

Insomma, secondo il noto giornalista il motivo per il quale ci sono sempre più donne che hanno ad oggi l’opportunità di condurre programmi sportivi è dato dal fatto che non ci sono più in giro giornalisti autorevoli in grado di fare domande forti e serie agli addetti ai lavori con cui per forza di cose sono chiamati ad interagire.

Per questo motivo, sempre secondo Bargiggia, le tv hanno trovato il modo di fare ascolto inserendo “la presunta bellona di turno.”