Home News Piero Angela senza giri di parole: il suo punto di vista su...

Piero Angela senza giri di parole: il suo punto di vista su studenti e vaccini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:42

Piero Angela è stato intervistato da SuperGuida TV. Il noto divulgatore scientifico, tra le altre cose, ha anche parlato di studenti e vaccini

Piero angela
Fonte foto: Facebook

Piero Angela è uno dei più famosi e amati divulgatori scientifici. Per anni ha accompagnato generazioni di persone alla scoperta della scienza e della cultura, con la sua consueta classe ed eleganza. È riuscito a far apprezzare a tutti quanti una materia ostica come la scienza, portando in televisione un livello culturale altissimo.

Recentemente è stato intervistato in esclusiva ai microfoni di SuperGuida TV, dove tra le tante cose ha espresso anche il suo punto di vista sui vaccini e gli studenti. E lo ha fatto senza tanti giri di parole.

Il suo intervento, ancora una volta, è stato incredibilmente puntuale e acuto. Mai banale. Leggiamo insieme le parole del conduttore di SuperQuark che a 92 anni dimostra di avere una lucentezza di pensiero che è per pochi.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Piero Angela non ha paura: la sua presa di posizione cambia tutto

Piero Angela, gli studenti che non si fanno il vaccino? “Dovrebbero fare la DAD”

Piero Angela è uno degli uomini più colti ed eleganti che hanno fatto la storia della televisione italiana. Intervistato da SuperGuida TV, il divulgatore scientifico ha espresso il suo punto di vista su diverse questioni.

In particolare, ha colpito la sua riflessione sulla libertà personale, in questo caso intesa per quanto concerne il discorso dei vaccini.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Margherita Pastore moglie Piero Angela, un amore senza fine

Per il conduttore di SuperQuark la liberà personale ha un limite individuato nella liberà altrui. In questo caso la liberà consiste nel diritto di essere in buona salute e, dunque, di non entrare in contatto con persone che potrebbero potenzialmente trasmettere il virus. Angela non dimentica che i virus possono causare danni non solo a chi è entrato in terapia intensiva, ma può altresì lasciare tracce a chiunque lo contragga. In questo senso, per gli studenti che rifiutano il vaccino, andrebbe imposta la didattica a distanza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Piero Angela (@piero_angela_official)