Home News Raffaella Carrà, ricordate il rimprovero a Paolo Sorrentino? il motivo

Raffaella Carrà, ricordate il rimprovero a Paolo Sorrentino? il motivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:11

Raffaella Carrà è morta qualche giorno fa, ma ricordate quando ha rimproverato Paolo Sorrentino.

Raffaella Carrà
screenshoot tv

E’ stato Sergio Iapino ha rendere nota la notizia della morte della conduttrice e showgirl italiana, forse la più grande di tutti i tempi e conosciuta in tutto il mondo.

Sono stati tanti i suoi successi, cosi come i momenti iconici che tutto il suo pubblico porterà sempre nel cuore, uno tra tutti è stato il rimprovero per Paolo Sorrentino.

Il famoso regista Premio Oscar ha infatti inserito una canzone della bionda nel suo film la Grande Bellezza e questa cosa le ha fatto storcere il naso: ecco il motivo.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Raffaella Carrà, lo sfogo in diretta sulla mamma passato alla storia

Raffaella Carrà su Sorrentino: “Per me non è esaltante”

Raffaella Carrà a poche giorni dalla sua morte è stata ricordata da tantissime persone che fanno parte del mondo dello spettacolo oltre che da chi le è stato vicino fino alla fine.

Qualche tempo fa nel programma da lei condotto A raccontare comincia tu ha ospitato in una delle puntata il regista Paolo Sorrentino e per l’occasione si è parlato del film che lo ha portato sul tetto del mondo.

“In quella scena mi hai messo in mezzo a gente superficiale che prende la cocaina, non è esaltante per me che sarò andata a una sola festa nella vita. Mi sono trovata in mezzo a gente che fa i trenini” ha ammesso la conduttrice parlando del suo grande successo A far l’amore comincia tu, colonna sonora del film.

Un rimprovero che la bionda ha detto in tono scherzoso ma che ha anche ripetuto nella sua intervista per Che tempo che fa di Fabio Fazio, pur non nascondendo la sua profonda stima verso il regista italiano.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Figli Raffaella Carrà chi sono? “Vederli crescere mi rende felice”

La scena in cui suona quella canzone dura 6-7 minuti, per farla ci abbiamo messo più di tre giorni. Quel brano è la quintessenza della gioia e della ballabilità” ha ammesso in risposta il regista napoletano che ha fatto scoprire il brano anche a chi non lo conosceva.