Home News Lutto nel mondo del fumetto, aveva solo 44 anni

Lutto nel mondo del fumetto, aveva solo 44 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:59

Lutto nel mondo del fumetto, è scomparso all’età di 44 anni il fumettista Andrea Paggiaro. Chi era e causa della morte.

Una passione quella del fumetto nata fin dalla tenera età che lo ha portato a pubblicare i primi fumetti autoprodotte già durante la frequentazione del DAMS. Dal 2005 inizia a collaborare con la casa editrice Campanila. In questi anni è illustratore di libri per bambini.

Andrea Paggiaro, conosciuto nel mondo del fumetto con il nome di Tuono Pettinato. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul noto fumettista, la causa della morte e la sua vita privata.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Lutto nel cinema: addio “all’imbranato” di Superman

Morto Andrea Paggiaro, addio a Tuono Pettinato

Nato a Pisa il 27 settembre 1976, Andrea Paggiano è scomparso all’età di 44 anni dopo una lunga malattia. Nel corso della sua carriera ha collaborato con Ratigher, LRNZ, Dottor Pira e Maicol & Mirco. Con loro ha creato un collettivo artistico chiamato Super Amici, diventato poi nel 2013 Fratelli del cielo.

Nello stesso anno Paggiano inizia la sua collaborazione con Fumettologica nella quale cura la sua personale rubrica Tippy Tuesday. Nel 2014 è stato premiato come Miglior Autore Unico presso il Lucca Comics & Games.

Nel 2016 Paggiano ha preso parte al quinto episodio della quarta stagione de L’Ispettore Coliandro.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Alessandro Cavallo, silenzio social dopo il lutto: il dolore è troppo forte

L’addio dei colleghi su Twitter

Fran De Martino ha scritto sul suo profilo Twitter “Un Tuono a ciel sereno!”, salutandolo con il suo nome d’arte, Tuono Pettinato.


Tito Faraci ha scelto di salutarlo forse nel mondo più giusto, con un fumetto.

Natangelo ha deciso di dedicargli una commovente dedica, con annessa una sua illustrazione a lui dedicata. “Sono molto triste perché è morto Tuono Pettinato scrive su Twitter. “Ci incrociavamo su mille pubblicazioni e lo leggevo sempre con piacere. Ed è strano pensare che non lo leggerò più e che sia andato via così presto. Per lui, e per tutti quelli che come me lo leggevano.”