Home News Biscotti a cartolina Chiavari, ESCLUSIVA La Casa di Zucchero: “Voglio sorprendere”

Biscotti a cartolina Chiavari, ESCLUSIVA La Casa di Zucchero: “Voglio sorprendere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:21

La pasticceria La Casa di Zucchero, sita a Chiavari in Liguria, realizza per la clientela una novità assoluta, i biscotti a cartolina.

Biscotti a cartolina
Biscotti a cartolina

Un’idea molto originale quella della signora Orietta Biggio, che nella sua pasticceria a Chiavari dal nome La Casa di Zucchero ha pensato di portare una novità assoluta e cioè i biscotti a cartolina.

Si tratta di piccoli dolcetti dell’aspetto invitante e di forma rettangolare a cui sovrappone delle piccole stampe realizzate in pasta di zucchero, su cui vi sono immagini della sua amata Liguria.

Una trovata davvero originale, che pare stia già riscuotendo un grande favore tra la sua clientela, che pare apprezzarne la creatività.

Noi di Youmovies abbiamo deciso di intervistarla per capirne di più su questa simpatica idea e approfittarne per sapere se ci sono già in cantiere altre interessanti novità.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Jukebox, ESCLUSIVA Giovanni Calza: “È cambiato tutto”

La Casa di Zucchero, l’intervista

Da dove nasce l’idea così originale di realizzare dei biscotti a cartolina e qual è il loro intento principale?

L’idea nasce perché a Natale ho realizzato delle cartoline con immagini tipo il Babbo Natale o l’albero e altri motivi con le scritte augurali e dunque ne ho preso spunto.

Qual è il dolce che più rappresenta la vostra terra, la Liguria?

Il pandolce è sicuramente quello più rappresentativo. Nelle feste faccio pezzature dai 250 grammi al kg e durante l’anno faccio il pasticcino da 25 grammi e i clienti sembrano gradirli molto inseriti in un vassoio di biscotteria.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> I Santidiavoli, ESCLUSIVA Salvatore Brusca: “Un eroe del nostro tempo”

Il settore della ristorazione a causa del covid è stato messo in ginocchio. Voi come ve la siete cavata?

Il covid è stato una bella legnata per tutti, il mio trasferimento da Genova a Chiavari ad esempio è avvenuto poco prima della pandemia e purtroppo a causa di questo sono rimasta bloccata per 8 mesi prima di poter aprire. Tra lavori e permessi è stata un’impresa colossale e poi finalmente ho aperto e giorno per giorno è cresciuta la clientela, capitata per caso o mandata da chi aveva già degustato i miei prodotti all’uso. Dopo tutto questo periodo difficile ho già avuto molte soddisfazioni.

Avete in progetto altre idee per impressionare positivamente la vostra clientela e i turisti

Progetti ci sono ma ancora non del tutto chiari, sicuramente ho sempre voglia di sorprendere i clienti con novità.