Home Cinema Oscar 2021, nomination da non credere: tutti i record

Oscar 2021, nomination da non credere: tutti i record

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29
CONDIVIDI

Oscar 2021, tutte le nomination del celebre premio. Un record che non succedeva da tantissimo tempo. Scopriamo insieme di cosa stiamo parlando. 

Oscar
Oscar

Questa notte, a mezzanotte e un quarto, ora italiana, andrà in onda direttamente dal Dolby Theatre di Hollywood, la più prestigiosa cerimonia cinematografica. Tra le nomination agli Oscar di quest’anno, ci sono stati dei nomi che sono subito balzati agli occhi.

Infatti accanto all’orgoglio italiano, Laura Pausini, la quale presenzierà la nazione con il suo brano Io si, colonna sonora del film La vita davanti a sé, abbiamo potuto notare un dato molto importante: dei veri e proprio record. Scopriamolo insieme.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Quali sono i film originali Netflix candidati agli Oscar di quest’anno?

Oscar 2021: tutte le nomination degne di nota

Oscar
Oscar

Grazie alla lista delle varie candidature è stato possibile fare un bilancio con i record e le novità presenti nella 93 esima edizione agli Oscar 2021. In primis possiamo vedere come quest’anno tra i vari candidati vi è un alto numero di donne in gara, infatti l’ambita statuetta è contesa tra settanta donne, su un totale di settantasei nomination.

Un numero davvero rilevante e degno di nota. Due, tra queste, sono in lista nella Categoria Miglior regia. Ma questo non è il solo dato di spicco, ci saranno tantissimi altri eventi mai accaduti prima, dei veri e propri primati.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Oscar 2021, 8 titoli candidati a ‘Miglior film’: dove puoi vederli

Nomadland, diretto da Chloè Zhao

Chloé Zhao questa notta sarà in gara nella sezione Miglior regia con il film Nomadland. La regista si aggiudica inoltre un primato: la Zhao è la prima donna a ricevere ben quattro candidature in un anno solo.

Infatti il suo film Nomadland è stato candidato anche per la categoria Miglior film, Migliore sceneggiatura non originale e Miglior montaggio.

La pellicola vede al centro del racconto una sessantenne Fern, la quale, dopo aver perso tutte le persone più care, decide di mettersi in viaggio con il suo furgone. In questo cammino farà la conoscenza di tante persone che per scelta o indotti da terzi si sono addentrati nella vita di nomadi.

Promising Young Woman, diretta da Emerald Fennel

A concorrere per il premio Miglior Regia, vi è anche Emerald Fennel con il film Promising Young Woman. La regista si aggiudica il primato di: prima donna a ricevere una nomination con il film esordio alla regia.

Una donna promettente, il titolo in italiano, racconta la storia di una giovane donna che in seguito ad un tragico evento vede stravolgersi la sua vita. Una storia toccante che arriva a premere dei tasti dolenti nello spettatore.

The Sound of Metal, diretto da Darius Marder

Riz Ahmed, protagonista della pellicola The Sound of Metal, è il primo candidato musulmano nella categoria Miglior attore protagonista.

Il film racconta la storia del batterista Ruben Stone e della sua compagna Lou, entrambi componenti del duo metal “Blackgammon”. Ma un giorno un evento improvviso si abbatte sulla vita di Ruben: il celebre batterista perde improvvisamente l’udito.

Ma Rainey’s Black Bottom, diretto da George C. Wolfe

Il celebre film diretto da George C. Wolfe, racconta la storia della diva Ma Rainey, del suo favoloso mondo musicale e delle varie diatribe con la sua band.

Il film è stato candidato nella sezione Miglior trucco e acconciature, conferendo un primato a Mia Neal e Jamika Wilson. È la prima volta che degli afroamericani vengono nominati in questa categoria.

Judas and the Black Messiah, diretto da Shaka King

Judas and the Black Messiah è stato candidato nella categoria Miglior film. Questa è la prima pellicola, composta da un team di soli neri, a ricevere una nomination di questo tipo. Il film, tratto da una storia vera, racconta le vicende di Fred Hampton, leader delle Pantere Nere.

Minari, diretto da Lee Isaac Chung

Il film Minari è stato candidato agli Oscar nelle categorie: Miglior Film, Miglior attore protagonista e miglior attrice non protagonista, miglior regia, migliore colonna sonora, migliore sceneggiatura originale.

Ma tra tutte queste candidature tre si sono aggiudicate un primato: la produttrice Christina Oh, è la prima donna asiatico-americana candidata agli Oscar, l’attore Steven Yeun è il primo interprete asiatico-americano nominato come Miglior attore protagonista e infine Youn Yuh-Jung, è la prima attrice coreana candidata nella categoria miglior attrice non protagonista.

La pellicola racconta il drastico cambiamento che il piccolo David è stato costretto a subire a causa del trasferimento della famiglia nella costa occidentale.

La vita davanti a sé, diretto da Edoardo Ponti

La vita davanti a sé, il film che ha sancito il ritorno sulle scene di Sophia Loren, vanta di una nomination agli Oscar a Laura Pausini, nella categoria migliori canzoni. Dopo essersi aggiudicata la vittoria ai Golden Globe, una nuova emozione giunge alla sua porta.

Se la celebre cantante vincesse tale prestigioso premio, sarebbe la prima vittoria per una canzone in lingua italiana ad essere premiata agli Oscar.

Elegia Americana, diretto da Ron Howard

Infine non poteva mancare un curiosità davvero degna di nota. Elegia Americana, il film incentrato sui problemi familiari di un ex marine, è stato candidato nella categoria Miglior attrice non protagonista a Glenn Close e Miglior Trucco e Parrucco.

Ma ciò che ha stupito il pubblico è che lo stesso film è anche stato candidato ai Razzie Awards nella categoria Peggior attrice non protagonista sempre a Glenn Close.

Insomma tantissime sono le novità che oggi potremo assistere alla Notte degli Oscar.