Home Televisione Flavio Insinna “Non saremmo in guerra ma…”: le parole emozionano

Flavio Insinna “Non saremmo in guerra ma…”: le parole emozionano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:30
CONDIVIDI

Nuova intensa puntata di L’Eredità, l’amato programma condotto da Flavio Insinna: durante l’appuntamento, le sue emozionanti parole

Flavio Insinna "non saremmo in guerra ma...": le parole emozionano
F. Insinna (fonte foto: Raiplay)

Arriva come di consueto un nuovo ed atteso appuntamento con L’Eredità, il seguitissimo programma di successo in onda su Rai 1 e condotto dall’amato Flavio Insinna: le parole del presentatore emozionano il pubblico.

Un appuntamento fisso molto gradito e sempre atteso dal folto e nutrito pubblico di telespettatori, quello condotto da Insinna, che da tempo, come noto, tiene compagnai al pubblico da casa nella fascia pre serale di Rai 1.

Il programma in questione ha un grade seguito, tra i tanti motivi, anche in virtù delle tante ed importanti informazioni che si possono apprendere.

Ma non vanno dimenticate le tante curiosità o il pathos che ogni appuntamento si porta con sé fino ai momenti finali, quelli che sanciscono cioè la vittoria o meno della cifra per cui si gioca.

Un momento di serenità per gli italiani, quello rappresentato dal programma che beneficia del talento, della simpatia e della sensibilità di Flavio.

In questa occasione, come accade spesso a L’Eredità, non sfuggono le parole del conduttore che mostrano, una volta ancora, la sua profondità d’animo.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Flavio Insinna ancora dalla parte dello spettacolo, ecco l’annuncio

Flavio Insinna L’Eredità: le intense parole del conduttore sulla ‘Resistenza’

Flavio Insinna "non saremmo in guerra ma...": le parole emozionano
Concorrete a L’Eredità (fonte foto: Raiplay)

Non smette di far compagnia e tenere incollati i telespettatori allo schermo del televisore, L’Eredità, l’amatissimo programma condotto da Flavio Insinna, che anche in questa occasione ha mostrato una puntata ricca di sorprese.

Ad arrivare a giocarsi la possibilità del trionfo finale è la concorrente Monica, che ha già avuto modo, come ben sa il pubblico attento alla trasmissione, di dimostrare le proprie qualità nel gioco.

Le parole indizio che la concorrente si trova davanti sono le seguenti: “Fatica; museo; vincere; italiana; pubblico ufficiale”.

La concorrente sfrutta il tempo a sua disposizione e sceglie di scrivere sul cartoncino la parola “Medaglia“.

Purtroppo, tale scelta si rivela essere sbagliata, e come di consueto, a Flavio spetta il compito di illustrare la risposta giusta, collegandola alle diverse parole indizio.

La risposta corretta, in questo caso, era “Resistenza“.

Il conduttore, tra le spiegazioni date relative alle parole messe in correlazione con la risposta giusta, si sofferma su ‘Museo’ e chiarisce: “Museo della Resistenza“, e ancora: “per capire cosa non deve accadere di nuovo, vigilare tutti insieme”.

Poi prosegue: “La Resistenza italiana, ragazze, ragazzi, bambini, giovanissimi, uomini, donne che hanno contribuito alla liberazione dal Nazifascismo.”

Flavio Insinna "non saremmo in guerra ma...": le parole emozionano
Risposta giusta (fonte foto: Raiplay)

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Flavio Insinna, prima la festa a L’Eredità: poi il ‘brivido’ finale

“È una sorta di resistenza quella che tutti…”: le parole di Flavio Insinna durante L’Eredità

Flavio Insinna "non saremmo in guerra ma...": le parole emozionano
F. Insinna (fonte foto: Raiplay)

Durante le battute finali della puntata odierna di L’Eredità, colpiscono le parole affermate da Flavio Insinna, che in un’occasione precedente ha mostrato tutta la propria amarezza, legandosi alla parola di oggi “Resistenza“, come detto, ha ribadito l’importanza di tale concetto e valore per l’Italia e gli Italiani.

Ma Flavio non si è fermato qui e, poco dopo, restando sulla suddetta parola ha aggiunto: “Va bene, non saremmo sicuramente in guerra ma da più di un anno, è una sorta di resistenza quella che tutti stiamo cercando di fare al dolore, alla malattia, alle paure, aiutandoci appunto e dando prova di resistenza.”

Poi aggiungendo: “Come comunità, come Paese”.

Parole significative che si legano al periodo storico che tutti stanno vivendo, legato alla pandemia e al Coronavirus, che saranno state di certo apprezzate dal pubblico e che, ancora una volta, mostrano la sensibilità, il tatto e la profondità d’animo del conduttore.