Home Televisione La vita in diretta, Alberto Matano non si trattiene: “E’ inquietante”

La vita in diretta, Alberto Matano non si trattiene: “E’ inquietante”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:57

Alberto Matano non si trattiene oggi a La vita in diretta, l’ultimo caso di cronaca lo ha scosso terribilmente: ecco cosa è successo.

Alberto Matano
Fonte Foto Rai Play

Questo pomeriggio Alberto Matano è tornato su Rai 1 con qualche ora di distanza, nella prima parte del talk a La vita in diretta si è tornato a parlare del caso di Mauro Romano, il bambino sottratto alla sua famiglia 43 anni fa.

Tuttavia non è questo il caso di cronaca che colpisce profondamente il conduttore e giornalista che nel lanciare un servizio di Lucilla Masucci non si trattiene e dice la sua in diretta.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Alberto Matano, terribile gaffe a La vita in diretta “Lei è morta”

La vita in diretta: “Si è accasciata al suolo”

Nel corso della puntata di oggi le telecamere de La vita in diretta sono arrivate a Faenza, dove nella serata di ieri sera un ragazzo di 19 anni ha avvelenato il patrigno e la madre Monica, l’uomo è morto mentre la donna si è salvata insospettita dal sapore della pasta non ha terminato la cena.

Il ragazzo ha poi tentato di soffocare la mamma, riportano su Rai 1, per poi scappare dalla casa scalzo. “Rita non mi lasciare, ho paura che ritorna mio figlio. Voleva ucciderci” avrebbe detto Monica a Rita, una vicina di casa che insieme al marito ha prestato i primi soccorsi alla donna e avvertito immediatamente le forze dell’ordine.

Alberto Matano non può non restare colpito da questo terribile fatto di cronaca, il noto giornalista ha infatti commentato “È inquietante.” La signora Monica si trova ora in ospedale ed entro pochi giorni potrebbe tornare a casa, fortunatamente non è mai stata in pericolo di vita: non avendo consumato la pasta al salmone avvelenata le sostante chimiche non hanno sortito gravi effetti.

PER APPROFONDIRE ANCHE>>> Alberto Matano sconvolto a La Vita in diretta: “Immagini disumane”

Pare che il 19enne soffrisse di problemi psichici, secondo l’Agi.it il giovane avrebbe organizzato il delitto in tutti i particolari. Non c’è stato niente da fare per il compagno della donna, morto all’età di 57 anni, purtroppo per lui il veleno contenuto nel piatto è stato fatale.