Home Cinema Marlon Brando, il volto de Il Padrino: un’importante ricorrenza

Marlon Brando, il volto de Il Padrino: un’importante ricorrenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00
CONDIVIDI

Marlon Brando è uno tra i volti più iconici del panorama cinematografico mondiale. Quest’oggi festeggia una ricorrenza molto importante. Ecco come l’abbiamo voluto ricordare.

Marlon Brando (Il padrino)
Marlon Brando (Il padrino)

Oggi vogliamo fare a Marlon Brando un regalo speciale per il suo compleanno. Il divo fa parte della rosa degli attori più famosi e riconosciuti al mondo. E pensare che non voleva neanche intraprendere questa strada. Infatti ha iniziato a fare l’attore solo per rendere orgogliosa la madre, celebrità dell”Illinois, la quale per lui rappresentava una vera e propria musa. Ma già dalla sua pellicola d’esordio potevamo immaginare quale sarebbe stata la sua carriera.

Nel 1950 debutta con il film Il mio corpo ti appartiene di Fred Zinnemann. Il ruolo che gli era stato conferito era quello di un uomo paraplegico reduce dalla seconda guerra mondiale. Per addentrarsi totalmente nel ruolo trascorse un mese sul letto di un ospedale. Il divo per la sua bravura è stato candidato ben 8 volte ai premi Oscar, riportando due vittorie come miglior attore, una per il film “Fronte del porto” e l’altra per la sua mirabile interpretazione, rimasta nella storia del cinema, ne “Il Padrino”.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Marlon Brando, un’accusa davvero pesante: “Mi ha costretta”

Marlon Brando, il suo declino e la sua casa distrutta da un suo caro amico

Marlon Brando e Sophia Loren (La contessa di Hong Kong)
Marlon Brando e Sophia Loren (La contessa di Hong Kong)

Accanto a questi immensi successi la star affrontò un periodo di forte crisi lavorativa. Negli anni sessanta sembrava che la sua figura ormai era destinata al dimenticatoio, infatti fu presente in numerosi film che si mostrarono dei veri e proprio flop.

Ricordiamo il grandissimo insuccesso della commedia La contessa di Hong Kong. Nonostante la pellicola fosse diretta da Charlie Chaplin e come sua partner di scena ci fosse Sophia Loren, la quale di recente ha ricevuto un importante riconoscimento, si rivelò un fallimento.

Sarà solo grande a Don Vito Corleone, il suo personaggio nel capolavoro di Francis Ford Coppola, con il quale riuscì a riscattarsi. Durante l’ultimo periodo della sua vita, Marlon Brando, si trovò in una situazione precaria di salute.

A causa del diabete, dopo aver raggiunto un notevole peso, venne ricoverato per una polmonite. In quegli anni viveva a Mullholland Drive, suo vicino di casa era Jack Nicholson. Fu proprio quest’ultimo a distruggere la sua casa. Ma come mai?

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Il Padrino ha rischiato di non uscire, ecco perché

Marlon e Jack erano amici di vecchia data e per di più vivevano da molto tempo vicini. Dopo la morte del collega, avvenuta il 1 luglio 2004, Nicholson comprò la sua casa. Da quel che si narra la casa era ridotta particolarmente male, secondo i più, Brando non aveva i soldi per ristrutturarla così l’ha lasciata cadere a pezzi. Tra muffa, pareti cadenti e tetto piovente, Jack Nicholson fu costretto ad abbatterla. Oggi noi vogliamo onorare il grande mito per il suo compleanno.