Home News Luca Ward rivela il dramma della figlia: “è stata una mazzata”

Luca Ward rivela il dramma della figlia: “è stata una mazzata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:55
CONDIVIDI

Luca Ward ospite questo pomeriggio di Verissimo ha rivelato il dramma della figlia Luna: ecco le sue parole.

Luca Ward
foto instagram

Verissimo è in onda con una nuova puntata come sempre su Canale Cinque con la guida di Silvia Toffanin che tra i tanti ospiti in studio accoglierà anche l’attore romano.

Nel corso della sua intervista parlerà moltissimo del momento difficile che il Covid ha portato anche alla sua carriera e troverà il modo per affrontare il discorso legato alla figlia Luna, nata dal matrimonio con Giada Desideri.

Prima di scoprire le sue parole, nel frattempo la conduttrice ha anche ospitato Elisabetta Canalis e Ornella Vanoni con cui ha sorriso e si è molto emozionata.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Luca Ward dramma del passato, una perdita dolorosa

Luca Ward il dramma della figlia colpisce tutti

Luca Ward
Luca Ward

Luca Ward è uno degli ospiti della nuova puntata di Verissimo in onda su Canale Cinque con Silvia Toffanin e nella sua intervista ha parlato anche della sua famiglia.

Nello specifico si è soffermato su Luna una delle figlie nate dal matrimonio con l’attrice Giada Desideri rivelando il dramma della sua malattia: “ha una patologia importante, la sindrome di Marfan” ammettendo: “è stata una mazzata quando lo abbiamo scoperto”.

L’attore infatti per molto tempo si è sentito in colpa per questo problema che ha colpito la figlia secondogenita arrivata dopo la nascita di Lupo, almeno fino al momento in cui, anche insieme alla moglie non ha metabolizzato il tutto, capendo di non avere responsabilità in merito.

Per chi non lo sapesse si tratta di una rara malattia ereditaria del tessuto connettivo che causa alterazioni oculari, ossee, cardiache, dei vasi sanguigni, polmonari e del sistema nervoso centrale.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Luca Ward dramma: “io e Giada abbiamo perso un figlio”

Di questo ha anche parlato nel suo libro dal titolo Il talento di essere nessuno, in cui ha raccontato anche l’evento doloroso legato alla morte del padre avvenuta quando lui aveva solo tredici anni e che non è riuscito a metabolizzare: “la mattina stessa sono andato a lavorare per la ditta di traslochi”.