Home Televisione Sanremo 2021, è davvero l’anno del cambiamento? Il “vecchio che avanza”

Sanremo 2021, è davvero l’anno del cambiamento? Il “vecchio che avanza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:05
CONDIVIDI

Al Festival di Sanremo 2021 dopo la prima puntata, la classifica seppur parziale parla chiaro: la scena indie fatica a decollare.

sanremo 2021 amadeus fiorello
Amadeus e Fiorello a Sanremo 2021 (Getty Images)

Il Festival di Sanremo 2021 all’esordio era stato definito da tutti gli addetti ai lavori come qualcosa di rivoluzionario in termini di canzoni in gara: la nuova scena “indie” (o indipendente, anche se di fatto di quel mondo ormai, ovunque o quasi, è rimasto ben poco) entrava prepotente all’Ariston con tantissimi nomi di punta di questo mondo. 

Dopo aver ascoltato le prime 13 canzoni in gara, tenendo comunque conto del fatto che la classifica cambierà tantissimo in quanto mancano altre 13 voci ed il televoto, ha già dato di per sé un piccolo verdetto che va sottolineato.

La nuova scena indipendente non sembra avere fatto breccia nella giuria demoscopica, che si è dimostrata più vicina a sonorità pop più classiche, con nomi assolutamente più “mainstream”, se così si possono definire.

In tal senso, infatti, non sembra essere un caso che al primo posto, per ora, troviamo Annalisa con una classica ballad pop “classica” ed elegante, ma allo stesso tempo già sentita nel panorama musicale italiano (ma non per questo brutta, anzi).

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Classifica Sanremo 2021 dopo la prima puntata: due donne al comando

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Sanremo Rai (@sanremorai)

Sanremo 2021, la scena indie non premiata dalla classifica (per ora)

coma cose
Coma_Cose (Getty Images)

Per trovare il primo nome “nuovo“, per così dire, in questo Sanremo 2021 dobbiamo arrivare fino al nono posto, dove troviamo Colapesce e Dimartino con “Musica leggerissima”. 

Di certo i Maneskin, che hanno avuto il pregio di portare un rock davvero molto spinto in un Sanremo quest’anno più che mai governato dal pop elettronico, non si possono definire indie, così come Fasma: sia la band sia il giovanissimo ex Nuove Proposte, infatti, sono volti comunque “noti” o in parte già visti in tv o all’Ariston.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Achille Lauro, è show all’Ariston: dettagli che non sfuggono

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Sanremo Rai (@sanremorai)

Insomma, sembra proprio che il “nuovo che avanza”, non abbia poi convinto a pieno, almeno per questa prima puntata. Non stiamo ovviamente giudicando le singole canzoni in gara, ma soltanto la classifica data dalla giuria demoscopica, che forse avrà bisogno di qualche ascolto in più per rivalutare, magari, brani comunque interessanti come quello dei Coma_Cose (che hanno dato un taglio netto con il passato) o di Madame, giusto per citarne un paio. Staremo a vedere.