Home Cinema Primo Re come Valhalla Rising, da Matteo Rovere a Nicolas Winding Refn

Primo Re come Valhalla Rising, da Matteo Rovere a Nicolas Winding Refn

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16
CONDIVIDI

Primo Re è un italianissimo Valhalla Rising, un film che sicuramente non lascerà delusi gli spettatori proponendosi come una vera e propria opera d’arte.

Su Rai 4 torna il film di Matteo Rovere che racconta la storia di Roma, le origini. Ci troviamo di fronte a un’opera con grandissime dimensioni e intelligente gestioni di risorse sia spaziali che motivazionali attorno ai protagonisti. Il film ha una grandiosa espressione dal punto di vista fisico del corpo attoriale. Sono numerosi gli spunti che se ne possono trarre andando a seguire lo svolgimento.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Refn il poeta dell’impossibile

E non ci vengano a dire che in Italia non si fa cinema di qualità. Rovere riesce a dare una specifica molto interessante con del valore aggiunto rispetto a un cinema fin troppo legato alla sceneggiatura e dove non si fanno investimenti. Primo Re non è un film che è costato un esborso eccessivo, ma conquista di fronte a degli spunti seriamente interessanti.

Primo Re, cosa c’entra con Valhalla Rising?

Valhalla Rising e Primo Re hanno tantissimo in comune e non per quanto riguarda la trama e non solo per l’ambientazione di guerra. I due film hanno il valore aggiunto di dare al pubblico una vera e propria opera d’arte. In entrambi i casi la pellicola si dipinge come fosse una tela di un pittore. Tutte le inquadrature sono delle vere e proprie opere d’arte che potrebbero essere totalmente decontestualizzate dal contesto principale per stare in piedi da sole.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> La storia vera di Primo Re

La potenza di Matteo Borghi

Refn è un maestro imprescindibile per chi ama il cinema, ma anche quello splendido artista che è Rovere riesce a tenergli testa con un film maturo e girato con una grandissima intelligenza. Non si può non parlare di Matteo Borghi che è un attore straordinario e in grado di dare al suo personaggio il giusto volto e la giusta cattiveria. L’obiettivo è quello di mettere al centro una figura forte in grado di strutturare il centro focale del film che si muove attorno a lui. Da vedere tutti e due e poi confrontarli.