Home Televisione Rai taglia gli stipendi: cifre in picchiata per i conduttori di punta,...

Rai taglia gli stipendi: cifre in picchiata per i conduttori di punta, il motivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:20
CONDIVIDI

La Rai ha deciso quest’anno di tagliare in maniera importante gli stipendi dei conduttori di punta: cifre in picchiata, il vero motivo.

rai logo

La Rai quest’anno ha preso una decisione inevitabile anche se davvero molto sofferta: ha infatti deciso di tagliare del 20% circa gli stipendi di alcuni dei conduttori di punta che ormai da tantissimi anni portano avanti programmi di enorme successo, come ad esempio Affari Tuoi, I migliori Anni ed anche il Festival di Sanremo.

Il motivo va ricercato purtroppo in questa crisi causata dalla pandemia globale che ha portato anche a numerose casse integrazioni. A farne le spese, riporta quotidianodipuglia, sarebbe soprattutto Rai Uno con Amadeus, Carlo Conti, Antonella Clerici e Fabio Fazio su tutti che si sono visti ridurre non di poco le cifre all’interno della propria busta paga.

Una brutta notizia per loro che, non va dimenticato, conducono programmi di enorme successo sia in termini di ascolti tv sia in termini di pubblico e gradimento da ormai tanti anni, seppur in fasce orarie molto diverse tra loro.

Ma quant’è concretamente questa riduzione? Le cifre sono davvero molto importanti.

LEGGI ANCHE >>> Raimondo Todaro torna in tv? Dopo l’assenza, tante novità

Rai taglia gli stipendi: Carlo Conti e Amadeus in prima fila

conti carlo

La Rai avrebbe infatti tagliato gli stipendi dei propri conduttori di punta di circa il 20% anche se non ci sono delle cifre precise. Rai Uno e Rai Due hanno visto queste cifre ridursi verso il basso, tuttavia tutto questo non dovrebbe aver toccato Rai Tre che dormirebbe sonni tranquilli.

LEGGI ANCHE >>> Laura Pausini, la sua vita è stata stravolta: “Non potevo immaginarlo”

Uniche eccezioni a questi tagli degli stipendi sembrerebbero essere state Serena Bortone e Monica Giandotti, provenienti proprio dalla terza rete della tv dello Stato. 

Insomma, staremo a vedere come la prenderanno i conduttori di punta che da anni portano avanti il “carrozzone” con enormi successi. La crisi, però, purtroppo, vale per tutti e, seppur chiaramente in maniera minore, ha coinvolto anche loro.