Home Televisione Italia 1, ecco come fa arrabbiare i telespettatori italiani

Italia 1, ecco come fa arrabbiare i telespettatori italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:15
CONDIVIDI

Italia 1 ha preso una scelta che di certo potrebbe far arrabbiare gli italiani, proponendo un film che non molti hanno apprezzato e anzi ha alzato un bel polverone.

Televisione
(Fonte: Pixabay)

Va avanti al mercoledì la saga di Mamma ho perso l’aereo con il terzo capitolo “postumo” Mamma ho preso il morbillo, ma andiamo con ordine. Il film è del 1997 ed è il primo senza Macaulay Culkin dopo Mamma ho perso l’aereo e Mamma ho riperso l’aereo mi sono smarrito a New York che sono andati in onda nelle settimane scorse. Durata di 102 minuti la regia è stata affidata a Raja Gosnell ma alla sceneggiatura vediamo sempre John Hughes che è anche produttore insieme a Hilton Green. Nel ruolo della piccola peste troviamo Alex D.Linz nel cast ci sono anche Olek Krupa, Rya Kihlstedt, Lenny von Dohlen e David Thornton tra gli altri.

LEGGI ANCHE >>> Macaulay Culkin è morto?

Italia 1, scelta sbagliata?

Mamma ho preso il morbillo
Mamma ho preso il morbillo

In molti vedranno nella scelta di Italia 1 una scelta assolutamente sbagliata. La messa in onda di Mamma ho perso il morbillo fa sempre discutere perché in molti lo disconoscono come capitolo della saga che in realtà per i puristi si chiude al secondo capitolo. Sebbene il film abbia qualche spunto simpatico è ben lontana dalla forza dei primi due film che hanno in Macaulay Culkin un’immagine, insomma come se girassimo Happy Days e al posto di Henry Winkler/Fonzie ci mettessimo Nicholas Cage, stonerebbe senza dubbio più che altro risulterebbe un’altra cosa.

LEGGI ANCHE >>> Via Donald Trump da Mamma ho riperso l’aereo

Le polemiche in questo senso non sono nuove perché si sono sempre più consumate con la voglia di spremere un brand fino all’ultima goccia. Tant’è vero che ci sarà anche un quarto capitolo ancora meno notevole di questo. La scelta delude perché l’associazione è sicuramente molto difficile da accettare anche perché è evidente il calo di ritmo. Le altre situazioni legate a questo modo di fare sono svariati, ma di certo quello che viene alla mente è la saga di American Pie dove dopo tre film si è deciso di girare alcuni spinoff dai tragici risultati per poi tornare e riallacciarsi alla saga con un quarto capitolo come se quanto accaduto in mezzo non fosse mai realmente successo. Il consiglio è dunque di prendere diversi film per quello che sono.