Home Cinema Mondo del cinema in lutto, morto personaggio amatissimo

Mondo del cinema in lutto, morto personaggio amatissimo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25
CONDIVIDI

Altro grande lutto nel mondo del cinema. Infatti è morto un grande fotografo, che aveva lavorato anche con Federico Fellini.

Pixabay

Il cinema ricasca di nuovo nel lutto. Dopo la morte del noto attore Cristopher Plummer, questa volta ad andarsene è un noto fotografo che era molto noto nel settore della settima arte. Il riferimento è a Peppino Rotunno. Quest’ultimo è stato uno dei più importanti e premiati direttori della fotografia del mondo cinema italiano ma anche internazionale. Il suo decesso è avvenuto oggi, il 7 febbraio 2021, nella sua casa di Roma.

LEGGI ANCHE >>> Tragico Lutto, morto uno dei più grandi artisti di sempre

Cinema in lutto, morto un grande direttore della fotografia: aveva lavorato con Federico Fellini

cinema in lutto
Lutto (Fonte: Pixabay)

L’uomo aveva 97 anni ed è stato un grande protagonisti di quelli che possono essere definiti gli anni d’oro in Italia. Ha lavorato con i più grandi registi, a partire da un maestro come Federico Fellini. ‘Casanova’, ‘Satyricon’, ‘Amarcord’, ‘E la nave va’: questi i prinicipali film che possono essere ricordati e che l’hanno visto in prima fila. Rotunno però, rimanendo sempre nel BelPaese, ha collaborato anche con Visconti, regista , tra gli altri, de ‘Il Gattopardo’. Insomma, una carriera davvero di alto livello.

LEGGI ANCHE >>> Lutto nel mondo del cinema: morto Hal Holbrook volto di Into The Wild

Tanti i riconoscimenti che ha ricevuto. L’uomo è infatti stato candidato all’Oscar nel 1980 per ‘All that jazz di Bob Fosse’. Per di più è stato anche  il primo direttore della fotografia non americano ad essere ammesso all’ASC (American Society of Cinematographers). Un qualcosa che è avvenuto nel 1966.Tra i tanti premi vinti possono essere citati e ricordati ben sette Nastri d’argento, due David di Donatello più quello speciale del Cinquantenario. Insomma, Rotunno ha fatto, a suo modo e con la sua classe, la storia del cinema. E questo non può certo esser negato. Tanti i ricordi e gli omaggi, tra cui spicca quello di Alessandro Gassmann.