Home Cinema Il Promontorio della Paura, da Robert Mitchum a Robert De Niro

Il Promontorio della Paura, da Robert Mitchum a Robert De Niro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:16
CONDIVIDI

Il Promontorio della Paura è un appuntamento imperdibile per chi ha voglia di rimanere tutta la notte davanti alla tv. La messa in onda è fissata per mezzanotte e mezza su Rete 4.

Il Promontorio della Paura
Il Promontorio della Paura

La versione che vedremo in onda è quello del 1962 con Max Cady interpretato da Robert Mitchum. La regia è di J.Lee Thompson su sceneggiatura di James R.Webb. Nel cast troviamo anche Gregory Peck, Martin Balsam, Telly Savalas, Will Wright, Polly Bergen, Lori Martin e molti altri ancora. Inizialmente il ruolo era stato affidato a Peck che era anche il produttore del film stesso. Fu lui stesso a rifiutare la parte perché troppo spesso, in quel periodo, ad interpretare il ruolo del malvagio. Disse che il pubblico non sarebbe stato in grado di accettarlo.

LEGGI ANCHE >>> La delicata operazione di Robert De Niro

Il Promontorio della Paura, da Robert a Robert

Il Promontorio della Paura
Il Promontorio della Paura

Il Promontorio della Paura ha portato a un remake amatissimo perché diretto da un grandissimo maestro come Martin Scorsese. In quel caso il ruolo del cattivo è affidato a un Robert De Niro all’epoca al massimo della forma e in grado di conquistare il pubblico con la sua personalità. Col sottotitolo Cape Fear vede nel cast anche Nick Nolte, Jessica Lange e Juliette Lewis.

LEGGI ANCHE >> L’attore nei guai

Nonostante oggi siano passati diversi anni dalla sua uscita al cinema, era il 1991, il film invecchia bene e rispetto all’originale aggiunge anche qualcosa. Troviamo infatti maggiore cattiveria e maggiore violenza forse anche per l’ovvio progredire del tempo che ha permesso al regista di calcare più la mano dimostrando di avere personalità e grande coraggio. A 30 anni dalla sua uscita oggi tutti conoscono Martin Scorsese e anche nel 1991 era già lui. Oggi però rivedere film come questi è una gioia per le nostre menti.