Home Cinema Eddie Murphy, la battaglia più complicata della sua vita

Eddie Murphy, la battaglia più complicata della sua vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:41
CONDIVIDI

Eddie Murphy si è reso protagonista di un vero e proprio caso mediatico, al centro della battaglia più complicata della sua vita. Lo capiamo attraverso un caso raccontato nel dettaglio e che desta curiosità.

Eddie Murphy (GettyImages)
Eddie Murphy (GettyImages)

L’attore americano, di cui stiamo parlando, torna protagonista stasera su Italia 1 col film Il Principe Cerca Moglie, di cui vedremo presto su Prime il sequel Il Principe cerca Figlio. Film cult tornerà dunque con un sequel ben 33 anni dopo la prima volta. Quest’oggi vogliamo occuparci di una questione che non tutti conoscono e che rappresenta la battaglia più complicata della sua vita.

LEGGI ANCHE >>> IL PRINCIPE CERCA FIGLIO

Eddie Murphy, la battaglia della sua vita

TRADING PLACES, Dan Aykroyd, Eddie Murphy, 1983

La battaglia più difficile della vita di Eddie Murphy è arrivata nel 2010, complessa perché non lo vedeva propriamente protagonista. L’attore infatti è stato messo al centro di un caso mediatico. In occasione dell’entrata in vigore in America delle nuove normative sui mercati finanziari Gary Gensler, presidente della Commodity Futures Trading Commission, aveva ribattezzato come Eddie Murphy Rules colloquialmente l’insieme delle direttive a contrasto dell’insider training. Questo perché ispirato alla trama di Una Poltrona per due film del 1983 e classico della Vigilia di Natale in Italia ma questa è un’altra storia.

LEGGI ANCHE >>> Il passato difficile di Marco Giallini

Questo fa capire quanto l’attore americano viene preso in considerazione in America dove per lui c’è rispetto e grande ammirazione da parte anche delle istituzioni. Negli anni ha ricoperto ruoli che sono diventati iconici come quello dei due film su citati ma anche quelli di pellicole come Il Professore Matto o Il Dottor Dolittle. Ovviamente oltre le commedie Eddie ha fatto anche film impegnati anche se il suo massimo l’ha sempre dato in un cinema spensierato e tutto da ridere che ha conquistato il pubblico di tutto il mondo e non solo negli States.