Home Personaggi Riccardo Scamarcio, quella tragica separazione: l’aborto di un figlio nel film

Riccardo Scamarcio, quella tragica separazione: l’aborto di un figlio nel film

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40
CONDIVIDI

Riccardo Scamarcio, noto attore italiano, ha raccontato quella tragica separazione e le sue drastiche conseguenze visibili nel film. 

Riccardo Scamarcio

Riccardo Scamarcio, questo pomeriggio in onda su Rai Movie verrà trasmesso il film che lo vede protagonista “Nessuno si salva da solo”, regia di Sergio Castellitto. Nel cast accanto all’attore pugliese, vediamo: Jasmine Trinca, nel ruolo della protagonista femminile e poi Anna Galiena, Marina Rocco, Massimo Bonetti, Massimo Ciavarro e Renato Marchetti. Il film di genere drammatico vanta di numerose candidature ai David di Donatello e ai Nastri D’Argento. Ma addentriamoci nella vicenda e scopriamo cos’è successo al protagonista.

LEGGI ANCHE —> Riccardo Scamarcio, quella malattia che l’ha devastato

Riccardo Scamarcio, “Nessuno si salva da solo”: la vita travagliata del protagonista

Gaetano e Delia, rispettivamente Scamarcio e Jasmine Trinca, sono una coppia separata che si ritrova al tavolo di un ristorante. Si sono rivisti dopo qualche tempo per discutere delle vacanze estive dei loro figli Cosmo e Nico. I due bambini vivono con la mamma Delia, mentre Gaetano alloggia in un residence. Ma come mai i due protagonisti si sono lasciati? Gaetano e Delia si erano incontrati da giovanissimi, dunque hanno condiviso una serie di problemi tra cui anche l’aborto volontario del terzo figlio. Ma quando decidono di separarsi Delia sembra che stia sprofondando nell’anoressia. Purtroppo Gaetano, sommerso dal troppo lavoro, non si occupa a sufficienza dei bambini. La cena sta per terminare quando giunge qualcuno al loro tavolo. Chi è?

LEGGI ANCHE —> Riccardo Scamarcio, l’attore salvato per miracolo

Questo pomeriggio saprete come andrà a finire la celebre pellicola. In “Nessuno si salva da solo“, il regista imbastisce un’opera che denuncia tutti i vizi e i vezzi di certo cinema “colto” italiano.