Home Cinema Stefania Sandrelli, una dura lotta contro la malattia: è in fin di...

Stefania Sandrelli, una dura lotta contro la malattia: è in fin di vita nel film

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:04
CONDIVIDI

Stefania Sandrelli racconta quella dura battaglia che l’ha vista in fin di vita nel film. Di cosa stiamo parlando?

Stefania Sandrelli

Stefania Sandrelli, attrice italiana di notevole calibro, questo pomeriggio sarà protagonista nel film “La prima cosa bella“, regia di Paolo Virzì. La pellicola vede nel cast attori di notevole fama, accanto alla Sandrelli ci sono: Valerio Mastandrea, Micaela Ramazzotti, Claudia Pandolfi, Marco Messeri e Aurora Frasca. La commedia è un’aspra ode alla città di Livorno. Ma addentriamoci nella vicenda, qui la protagonista, la Sandrelli interpreta una donna colpita da un grave malessere.

LEGGI ANCHE —> Stefania Sandrelli, scottante rivelazione: sapete con chi è stata fidanzata? È famosissimo

Stefania Sandrelli, “La prima cosa bella”: la difficile e lunga battaglia della protagonista

Bruno, il protagonista maschile dell’opera, interpretato da Mastandrea, sta tornando a Livorno in seguito all’aggravarsi della malattia della madre Anna (Sandrelli). Anna è giunta allo stadio terminale di una lunga battaglia contro il cancro. Ma proprio questo tragico evento ribalterà i rapporti tra il figlio e la madre. Infatti Bruno aveva rotto ogni legame con la madre poiché pensava fosse una donna di facili costumi, ma quell’incontro dopo anni li porterà a ristabilire un nuovo e puro legame. Questo riavvicinamento farà riaffiorare nella memoria del protagonista gli eventi salienti della sua infanzia e della sua adolescenza. Porrà uno sguardo malinconico verso di essi.

LEGGI ANCHE —> Stefania Sandrelli, la confessione: quel giorno che distrusse una casa

Anna viene raffigurata come una mamma bellissima e vitale, sempre grata alla vita, anche se quest’ultima non si è mostrata carina nei suoi confronti. Ma come andrà a finire? Solo questo pomeriggio sul canale Cine 34 lo potremo sapere. Il film ottenne un ottimo successo di pubblico, infatti gli vennero assegnati numerosi premi. Ai David di Donatello vinse nelle categorie: Miglior sceneggiatura a Francesco Bruni, Francesco Piccolo e Paolo Virzì; Migliore attrice protagonista a Micaela Ramazzotti; Migliore attore protagonista a Valerio Mastandrea. Vanta inoltre di innumerevoli nomination.