Home Cinema “Alice in Wonderland”, sapete com’è nata la celebre storia?

“Alice in Wonderland”, sapete com’è nata la celebre storia?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:32
CONDIVIDI

Alice in Wonderland, il film di Tim Burton, ispirato a “Le avventura di Alice nel paese delle meraviglie”, di Lewis Carroll. Sapete da dove è nata la storia?

Questa sera in prima serata su Italia 1 sarà trasmessa la celebre pellicola fantasy di Tim Burton, “Alice in Wonderland”. Nel cast vediamo volti noti nel mondo di Hollywood, tra cui: Mia Wasikowska, Johnny Depp, Helena Bonham Carter, Anne Hathaway, Crispin Glover, Matt Lucas. La pellicola ha vinto il premio Oscar come Migliore scenografia a Robert Stromberg e Karen O’Hara e Migliori costumi a Colleen Atwood. Ma scopriamo da dove è nata la celebre storia del romanzo.

LEGGI ANCHE —> Johnny Depp, anno nero per l’attore: la decisione fa infuriare i fan

“Alice in Wonderland”, il film: ecco da dove è nato il racconto

La storia vuole che Carroll, l’autore del romanzo, avesse inventato la nota storia fantasy de “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie” durante una gita in barca sul Tamigi, in compagnia di tre bambine, una di queste era Alice Liddel. Carroll e Liddell rimasero amici per anni. Proprio questa strana amicizia ha marchiato l’autore dall’accusa di pedofilia. Infatti pare che lo scrittore provasse amore per l’infanzia e soprattutto verso le bambine che amava ritrarre e con le quali amava conversare. Non abbiamo documenti in favore di questa ipotesi.

LEGGI ANCHE —> Johnny Depp, quella rivelazione dolorosa sul suo passato

Inoltre si dice che Carroll fosse affetto da un disturbo neurologico che causava allucinazioni, infatti proprio a seguito di questo malessere, secondo alcuni, risiede il motivo di alcune sue fantasie, come Alice che diventa improvvisamente troppo grande e la tana e gli oggetti troppo piccoli. Alice in Wonderland ci fa immergere all’interno di un folle sogno in cui l’ordine del mondo è dettato dall’immaginazione. Un invito ad essere più matti, a festeggiare i non-compleanno, a pensare meno al Tempo, a correre meno, a stenderci sotto un albero, all’aria aperta ricordandoci di poter anche incontrare un piccolo Bianconiglio passeggiare.