Home Cinema Quella strage che ha stravolto il film: il mistero che si cela...

Quella strage che ha stravolto il film: il mistero che si cela nella valigetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:47
CONDIVIDI

Una strage di ladri ha insanguinato la pellicola dall’inizio. Ma cosa si nasconde dentro quella valigetta? La paura sale. 

Pulp Fiction

Questa sera in seconda serata su Tv 8 andrà in onda il capolavoro di Quentin Tarantino, “Pulp Fiction“. La celebre pellicola si avvale di un cast stellare. Nel ruolo di Vincent, John Travolta, compagno d’azione è Jules, interpretato da Samuel L. Jackson, i nostri occhi verranno ammaliati dalla celebre attrice Uma Thurman e ci imbatteremo nel grande attore di guerra Bruce Willis. Una pellicola che vanta di ben sette candidature agli Oscar. Pulp Fiction permise a Tarantino e Roger Avary di ottenere il premio per la miglior sceneggiatura originale agli Oscar del 1995. Ma addentriamoci nel racconto.

LEGGI ANCHE —> Samuel Lee Jackson da Pulp Fiction all’Oscar: una carriera da record

“Pulp Fiction”, il mistero: cosa c’è dentro la valigetta?

Pulp Fiction
Pulp Fiction

Tutta la vicenda del film si dirama partendo dal mistero che si cela dentro la famosa valigetta di Marsellus Wallace, ma, purtroppo, nessuno saprà mai cosa realmente contiene e il perché abbia tutta questa importanza. Ma eccovi svelati alcuni dettagli che ci avvicinano all’importante scoperta. Molte sono le teorie che circolano in proposito, scopriamone alcune. Secondo una delle teorie più curiose, all’interno della valigetta ci sarebbe l’anima di Marsellus Wallace, il boss criminale, capo di Vincent e Julius. Quest’idea proviene dal dettaglio del codice che lo stesso Vincent immette per aprirla. Infatti la combinazione utilizzata dal personaggio interpretato da John Travolta è 666, il celebre numero che rimanda al demonio.

LEGGI ANCHE —> Attrice famosissima in overdose: quell’iniezione nel film che le ha salvato la vita

Secondo altri nella valigetta ci sarebbero stati dei semplici diamanti, ricordando quanto visto nel primo film di Tarantino, Le Iene. Ma il regista conclude dicendo che quel mistero non sarà mai svelato proprio perché vuole lasciare al pubblico la possibilità di deciderlo da solo. Per ingigantire il mistero il regista ci mise una luce arancione che creò un effetto metafisico.