Home Cinema Lino Banfi, la sua dichiarazione è toccante: un grande dolore

Lino Banfi, la sua dichiarazione è toccante: un grande dolore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:37
CONDIVIDI

Lino Banfi ha fatto una dichiarazione a dir poco toccante, Dalle sue parole trapela una grande tristezza e sofferenza. Cos’ha detto?

Lino Banfi vaccino
L. Banfi

Lino Banfi questo pomeriggio sarà protagonista del film “Grandi Magazzini” in onda su Cine 34. La pellicola diretta da Castellano e Pipolo vede come attori un cast di notevole rilievo: Enrico Montesano, Nino Manfredi, Lino Banfi, Paolo Villaggio, Renato Pozzetto, Massimo Boldi, Christian De Sica e Laura Antonelli. Il film si propone come un insieme di piccoli episodi burleschi basati sulla quotidianità. Ma scopriamo cosa ha detto Banfi. Un messaggio colmo di tristezza.

LEGGI ANCHE —> Lino Banfi, aggredito dal criminale nel film “La belva umana”

Lino Banfi, le sue parole hanno fatto commuovere tutti

Lino Banfi

L’attore ha raccontato il legame speciale che scorre con sua moglie. Nel 1962, Lino, si sposa con Lucia Lagrasta, dalla loro unione nascono due figli, Walter e Rosanna. Lucia, purtroppo, da tempo soffre di una dolorosa malattia e proprio in merito a questo l’attore si è lasciato andare alla commovente rivelazione. Banfi ha detto che non riuscirebbe a vivere senza la moglie e viceversa, dunque spera di morire insieme a lei.

L’attore ha dichiarato che prega affinché ciò possa accadere. Banfi è molto legato a Dio, la sua devozione è profonda. Da piccolo gli hanno insegnato che quando ci si sveglia bisogna pregare la Madonna e poi si può iniziare la giornata. Sapete perché Banfi ha una particolare devozione alla Madonna di Canosa?

LEGGI ANCHE —> L. Banfi, botta e risposta con un collega: “Non è vero che non ti ho aiutato”

L’attore ha raccontato come a dieci anni, stava morendo di tifo e di malaria. Quando la malattia si aggravò, lui sognò la Madonna e guarì miracolosamente. Speriamo che questa sua devozione possa realizzare quel desiderio che stringe la storia del suo amore.