Home Cinema The Truman Show, Jim Carrey e il Grande Fratello

The Truman Show, Jim Carrey e il Grande Fratello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:59
CONDIVIDI

The Truman Show è un film che ha precorso i tempi e che ha insegnato al mondo a riflettere su quanto sarebbe venuto dopo. Se pensiamo a quando è uscito viene da riflettere.

The Truman Show
The Truman Show

Alle 23.30 su La7 andrà in onda il film con Jim Carrey protagonista. La regia è affidata a un grande maestro e cioè l’australiano Peter Weir a cui La7 di fatto dedica la serata visto che prima è stato trasmesso Witness – Il testimone. La sceneggiatura del film del 1998 è curata da Andrew Niccol. Oltre all’ex The Mask nel cast troviamo Ed Harris, Laura Linney, Noah Emmerich, Natascha McElhone, Holland Taylor, Brian Delate, Peter Krause, Blair Slater, Paul Giamatti, Ron e Don Taylor e molti altri ancora. Il film racconta la storia di Truman Burbank che piano piano si accorge di vivere all’interno di un reality show.

LEGGI ANCHE >>> Jim Carrey sta male?

The Truman Show, quando la finzione diventa realtà

The Truman Show
The Truman Show

The Truman Show è un film straordinario, in grado di conquistare il pubblico grazie alla sua grandissima carica emotiva e alla voglia di illudere il suo protagonista e di farlo poi realizzare tutto. Ci troviamo all’interno di un viaggio nella vita di un uomo che diventa finzione per rimanere però per lui realtà. Un rebus difficile da decifrare che Truman inizia a capire nonostante la sua vita sia sempre stata condizionata da questi movimenti di macchina.

LEGGI ANCHE >>> Il dramma di Jim Carrey

Jim Carrey è la maschera di gomma perfetta. All’epoca era noto soprattutto per ruoli comici da Ace Ventura a The Mask passando per Scemo e più scemo. Qui invece se ne esaltano i doni drammatici che vedremo ulteriormente sviluppati l’anno dopo quando uscirà un altro dei suoi film più belli e cioè Man on the Moon di Milos Forman. Da allora il percorso di Jim cambierà decisamente portandolo al centro di un oscillare pericoloso che lo porterà a diventare un perfetto interpreto drammatico più che una macchietta comica.