Home Cinema Renato Pozzetto costretto a vivere in un tugurio, il film storico

Renato Pozzetto costretto a vivere in un tugurio, il film storico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:36

Renato Pozzetto costretto a vivere in un tugurio e la mente torna indietro alla tecnologia e all’innovazione arrivata nel 1984 in Italia attraverso i nostri schermi.

Renato Pozzetto oggi
Il ragazzo di campagna, Renato Pozzetto

Stiamo parlando del film Il ragazzo di campagna di Castellano e Pipolo nel 1984 e nel cast vedeva proprio Pozzetto grandissimo protagonista. Andrà in onda stasera su Rete 4 a partire dalle ore 21.20. Nel cast oltre a lui troviamo anche Massimo Boldi, Donna Osterbuhr, Renato D’Amore, Franco Diogene, Enzo De Toma, Massimo Serato e molti altri ancora. Castellano e Pipolo hanno curato anche la sceneggiatura mentre Achille Manzotti è stato produttore per la Faso Film di un film distribuito in Italia dalla Titanus. La fotografia è di Danilo Desideri, il montaggio di Antonio Siciliano, le musiche di Mariano Detto e la scenografia di Bruno Amalfitano. Scopriamo qualcosa di più di dove viveva Pozzetto nel film.

LEGGI ANCHE >>> Renato Pozzetto sta male?

Il Ragazzo di Campagna, una trovata simpatica

Il ragazzo di campagna, Renato Pozzetto
Il ragazzo di campagna, Renato Pozzetto

Ma torniamo al tugurio. Il Ragazzo di Campagna si apre con un motore molto interessante e cioè Renato Pozzetto che decide di lasciare casa sua in campagna per andare a vivere in città. Lo fa con tutte le trovate di chi la città non l’ha mai visto, ripercorrendo in maniera un po’ diversa quello che precedentemente avevano già fatto Totò e Peppino De Filippo in Totò, Peppino e la malafemmina. Sicuramente la scena più simpatica è quando questi si ritrova all’interno di un piccolo monolocale che però è attrezzatissimo. Le spese immense lo portano a vivere dunque in un vero e proprio tugurio, un posto difficile da abitare.

LEGGI ANCHE >>> Dolore immenso per Renato Pozzetto

Tavoli si aprono dal muro, la tv è nascosta nel muro, il bagno è inesistente così come la cucina. All’epoca quella gag fece molto ridere e conquistò un pubblico già conscio delle possibilità comiche di Renato Pozzetto. Rimane dunque molto interessante rivederlo oggi quando ormai sono passati decenni da quel film tanto simpatico quando entrato nella mente della gente con delle sequenze che di fatto hanno regalato tratti importanti alla storia del cinema.