Home Cinema Terremoto devastante, 10.0 M il mondo crolla sotto i piedi

Terremoto devastante, 10.0 M il mondo crolla sotto i piedi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

Terremoto devastante da 10.0 Magnitudo ci racconta come il mondo possa improvvisamente crollare sotto i piedi. Una notizia sconvolgente.

Stasera su Cielo dalle 21.20 andrà in onda il film Earthquake 10.0 (Terremoto 10.0) pellicola del 2014 americana che racconta proprio la storia di un terremoto. Iscritto al cinema di genere catastrofico è stato diretto da Gidali e vede nel cast Henry Ian Cusick, Cameron Richardson, David Chokachi, Kristen Dalton, Chasty Ballesteros, Jeffrey Jones e Heather Sossaman. Sicuramente si tratta di un film molto forte dal punto di vista tematico e con grandissima tensione che si può assaporare proprio di fronte agli occhi di un pubblico veramente molto sensibile alla questione.

LEGGI ANCHE >>> La scossa in Campania

Un terremoto devastante, il film di Cielo

Terremoto 10.0
Terremoto 10.0

Il film Terremoto 10.0 racconta la storia di eventi traumatici accaduti a Los Angeles. Protagonista è Emily una scienziata che teorizza come un super sisma potrebbe far crollare sotto i loro piedi tutta la città. Il rischio è quello di essere inghiotti da una voragine con della lava al centro. Intanto Jack, l’ingegnere che lavora in una compagnia colpevole di terremoti per il francking operato, sente l’obbligo di aiutarla. Attraverserà tutta la città in distruzione con l’obiettivo di andare a spostare l’epicentro in una zona meno popolata per evitare una strage.

LEGGI ANCHE >>> Il terremoto di Foggia

Si tratta di un film che sicuramente regala degli spunti di riflessione interessante e che può essere considerato devastante dal punto di vista psicologico per chi questi traumi gli ha vissuti davvero. Purtroppo l’Italia negli ultimi anni si è resa protagonista di situazioni veramente molto complicate sotto questo punto di vista come accaduto un paio di volte ad Amatrice per una tragica storia ormai nota. La visione del film non è consigliata a un pubblico di minorenni non accompagnati che potrebbero uscirne veramente traumatizzati senza una logica spiegazione.