Home Storie Alba Parietti, quel tragico incidente: morte sfiorata

Alba Parietti, quel tragico incidente: morte sfiorata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:02

Alba Parietti, nota showgirl italiana, ha raccontato un episodio che in molti non sanno della sua vita passata. Un grave incidente ha colpito la Parietti.

Alba Paritetti

Oggi sarà ospite da Mara Venier a Domenica In. Alba Parietti si è lasciata andare ad un racconto che ha scosso nel profondo la sua vita. Una morte sfiorata per poco. L’evento è accaduto molti anni fa, ma pare sia impossibile da cancellare. Infatti ancora oggi ne parla con il terrore negli occhi. Ma alle volte qualcuno ci salva e quella volta la showgirl sembra che sia stata proprio miracolata. Cos’è successo?

LEGGI ANCHE —> Ada Alberti moglie Franco Oppini, rivalità con Alba Parietti? La verità

Alba Parietti, quel tragico evento del suo passato

Alba Parietti Ezio Bosso

Era il 2004 quando la Parietti e Giuseppe Lanza di Scalea, che all’epoca era il suo fidanzato, furono coinvolti in un grave incidente d’auto. La vettura che vedeva alla guida Giuseppe si infilò sotto ad un tir. L’incidente distrusse la macchina della Parietti, tutte le vittime riportarono delle ferite. La Parietti in particolare subì un trauma policranico che la condusse alla perdita di coscienza. La showgirl ha continuato con lo struggente racconto dell’incidente. Infatti subito dopo il colpo i soccorritori sono arrivati per mettere in salvo le vite delle vittime, ma come lei stessa ha dichiarato, è stato difficilissimo portarli via dalle lamiere.

LEGGI ANCHE —> Franco Oppini ex marito Alba Parietti: retroscena inaspettato sul divorzio 

Tutti furono portati subito in ospedale. Alba ha confessato come dopo quell’incidente la percezione della sua vita sia cambiata. Ora coglie l’essenza della vita da ogni singolo secondo, non si può sprecare un dono così importante. Ha dichiarato di essere nata di nuovo. Oggi infatti la vediamo felice e spensierata e soprattutto cerca di godersi appieno l’unico vero amore della sua vita, il figlio Francesco Oppini.