Home Musica Robbie Williams, vita in pericolo: rischia di morire

Robbie Williams, vita in pericolo: rischia di morire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:48
CONDIVIDI

Robbie Williams ha ammesso di aver passato un momento molto difficile, in cui ha visto la sua vita in pericolo a causa di una dieta.

Robbie Williams
Robbie Williams (Getty Images)

Il cantante Robbie Williams ha raccontato di aver rischiato la vita a causa di una dieta. William è uno dei cantanti più seguiti e amati dal pubblico a livello internazionale. Principalmente è arrivato al successo grazie alla sua partecipazione nella band dei Take That. Anni dopo però ha saputo proseguire con un suo percorso da singolo, avviando una carriera davvero molto redditizia.

LEGGI ANCHE —>Temptation Island, un tentatore ha querelato Robbie Williams: accuse pesanti

Robbie Williams, un rischio altissimo

Robbie Williams
Robbie Williams (Getty Images)

Robbie Williams ha rivelato a Radio X di aver rischiato davvero la sua vita a causa di una dieta seguita. A quanto pare l’uomo aveva deciso di scegliere di seguire un regime alimentare molto particolare, che prevedeva una quantità e consumo di pesce non indifferente. In particolare questa dieta sarebbe stata a base di tonno, polpi e calamari. Tutto ciò però avrebbe messo a dura prova la sua salute, poiché tale dieta prevedeva una consumo di pesce troppo elevato che avrebbe portato l’uomo ad un quasi avvelenamento da mercurio.

LEGGI ANCHE —>Robbie Williams soffre di agorafobia: “Non riuscivo ad alzarmi dal letto”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Robbie Williams (@robbiewilliams)

In effetti a salvare la vita dell’uomo è stata la moglie Aida Field che aveva richiesto al marito di farsi fare degli esami, poiché pare sia una persona molto attenta alla salute e che se si sottoponga lei stessa spesso a varie analisi. La sorpresa dunque erano stati i dati sconcertanti che si erano profilati, e il cantante ha addirittura ha rischiato di morire a causa di avvelenamento sia da mercurio che da arsenico. Il livello dunque di tossicità nel suo organismo era diventato quasi al limite della sostenibilità e indubbiamente è stato molto fortunato ad averlo scoperto in tempo. Tutto bene quel che finisce bene, ma sicuramente da adesso in poi Williams starà più attento al modo in cui si nutre.