Home Televisione Striscia La Notizia, Mingo nei guai: retroscena sulla sentenza definitiva

Striscia La Notizia, Mingo nei guai: retroscena sulla sentenza definitiva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:59
CONDIVIDI

Guai per un noto ex inviato di ‘Striscia La Notizia’, il tg satirico targato Mediaset. Ma che cosa è successo questa volta?

inviato striscia la notizia

Vi ricordate Mingo di Striscia La Notizia? E’ arrivata la sentenza definitiva. Mentre sul bancone storico e in onda su Canale 5 c’è stato il ritorno della coppia storica formata da Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti, ‘Striscia La Notizia’ molto spesso si ritrova sulle prime pagine anche per alcune questioni extratelevisive. Tutto porta ad alcune vicende di un ex storico inviato del tg satirico. Ma che cosa è successo questa volta?

Giusto entrare nel dettaglio e spiegare di chi si sta parlando. La curiosità, come molto spesso accade in questi casi, è davvero tanta.

LEGGI ANCHE -> Perché Ficarra e Picone hanno lasciato Striscia La Notizia? Il vero motivo

‘Striscia La Notizia’, Mingo

Striscia la notizia

Il riferimento è a Mingo, uno dei volti storici, fino a qualche anno fa, della trasmissione. L’uomo si è trovato al centro di una delicatissima vicenda giudiziaria. Infatti il Tribunale di Bari l’ha condannato a un anno e due mesi. Il motivo? L’ aver prodotto servizi falsi nel 2012 e 2013 per il tg satirico ideato e creato da Antonio Ricci. Insieme a lui è stata condannata anche la moglie Corinna Martino.

LEGGI ANCHE -> Inviato finisce in ospedale: paura a Striscia la Notizia

L’ex inviato, che era comunque già stato licenziato cinque anni fa dall’azienda di Cologno Monzese, ha dovuto fare i conti con la pesante accusa di truffa e diffamazione nei confronti dei produttori di ‘Striscia La Notizia’. Infatti, stando alla ricostruzione fatta dalla Procura, avrebbe creato servizi falsi con tanto di attori pagati per fingersi cittadini e poi dichiarato che i falsi scoop erano stati commissionati dalla produzione. Ed è per questo che Mediaset si è costituita parte civile durante il processo. Insomma, una vicenda davvero molto brutta e delicata, ma che ora si è conclusa con una pesante condanna.