Home Storie Giulia Michelini: “Mio figlio mi ha salvato la vita”

Giulia Michelini: “Mio figlio mi ha salvato la vita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:40
CONDIVIDI

Giulia Michelini, un passato molto difficile da affrontare. Fortunatamente è arrivato il suo angelo custode. Scopriamo cos’è successo all’attrice.

giulia michelini sorella paola
giulia michelini fidanzato single

Giulia Michelini, noto volto di Rosy Abate e Squadra Antimafia ha fatto un’importante dichiarazione a tutti i suoi fan. Oggi vedremo l’attrice nel film di Paolo Genovese “Immaturi”. La commedia andrà in onda oggi in prima serata su Cine34. L’attrice sarà accompagnata da un notevole cast: Raoul Bova, Borbora Bobulova, Luisa Ranieri, Ricky Memphis, Abra Angiolini, Luca e Paolo e tantissimi altri. Ma cosa ci riserba il passato della Michelini?

LEGGI ANCHE —> Paola sorella Giulia Michelini, una passione in comune

Giulia Michelini, la decisione che l’ha salvata per sempre

Giulia all’età di 19 anni scopre di essere incinta, decide di abortire, ma poi cambia idea e si scontra con il parere della famiglia. La donna porta con sé una ricca storia di umanità e coraggio, scopriamola. La donna ha affermato come la nascita di Giulio Cosimo le ha salvato la vita. All’età di 19 anni si è trovata ad affrontare un duro ostacolo: un figlio. Tutte le persone a lei care le avevano consigliato di abortire, convinta la Michelini si presenta all’appuntamento, ma una volta arrivata cambia idea a va via dallo studio. Una scelta coraggiosa quella di tenere un bambino a quell’età andando contro tutta la sua famiglia. Ma proprio la nascita di quel bambino si è rivelata la salvezza della sua vita. Scopriamo il perché.

LEGGI ANCHE —> Giulia Michelini torna in Tv? La risposta che fa impazzire i fan

In quel periodo aveva una storia molto complicata con il padre di Cosimo, infatti già sapeva che quel rapporto sarebbe finito prima della nascita del bambino e così è stato. Ma quell’evento sembra averla caricata maggiormente. L’attrice confessa che la nascita di Cosimo l’ha allontanata dalla sua parte autolesionista, senza di lui si sarebbe persa. Fortunatamente nonostante un’iniziale allontanamento della famiglia, oggi il bambino è la luce dei loro occhi.