Home Musica Giorgio Panariello, mistero la sua incredibile “vita parallela”

Giorgio Panariello, mistero la sua incredibile “vita parallela”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:10
CONDIVIDI

Giorgio Panariello è un’artista a tutto tondo, noto principalmente come comico e attore, ma in pochi conoscono la sua carriera parallela

Giorgio Panariello

Giorgio Panariello è soprattutto noto per essere un comico e attore di enorme successo. Questa sera, in seconda serata su Cine 34, lo potremo vedere nei panni di Saraceni nella famosa commedia all’italiana del 2010  El Sheikh – Un’estate indimenticabile, con i colleghi Enrico Brignano e Laura Torrisi.

Giorgio, però, è un artista a tutto tondo e nella vita ha avuto esperienze anche come regista, cabarettista e imitatore.

Ma c’è di più. Non a tutti, infatti, è nota la carriera musicale di Giorgio Panariello, iniziata già negli ormai lontani anni Ottanta.

LEGGI ANCHE -> La bella e inaspettata notizia di Gerry Scotti, dopo la malattia

La carriera parallela di Giorgio Panariello, la meno nota vita come musicista

Giorgio Panariello (fonte: Instagram)

Giorgio Panariello vanta un passato da musicista e alle spalle ha anche della canzoni scritte da lui, fra cui Questa Vita e Che Natale sei.

La prima la cantò anche in coppia con la magnetica Giorgia, per il programma Torno sabato.

Non è stata l’ultima volta che ha composto canzoni per la televisione, infatti nel più vicino 1996 ha pubblicato il cd Aria Fresca, i cui brani sono stati utilizzati per l’omonima trasmissione. Questo poco dopo aver pubblicato, nei primi anni Novanta, un disco mix con due lati: nel primo la sua versione de “Il Cielo”, sull’altro imitazioni di diversi personaggi.

LEGGI ANCHE -> La terribile morte del fratello di Giorgio Panariello

Fra il 1988 e il 1989 due progetti musicali molto interessanti, in collaborazione con il gruppo musicale Mod. N.4. Prima produce due vinili, Judicta e Judicta II, in cui si esibisce in esilaranti imitazioni con la voce di Giovanni Paolo II.

Poi l’imitazione del Duce il suo discorsi di guerra, in chiave ironica che questa volta incita non al combattimento, ma alla festa!