Home Storie Sergio Muniz, cosa faceva prima di diventare famoso? La confessione

Sergio Muniz, cosa faceva prima di diventare famoso? La confessione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:57
CONDIVIDI

Sergio Muniz ha parlato del suo passato, lasciandosi andare a una confessione forse in gran parte inaspettata. Ma di cosa si tratta?

Sergio Muniz (GettyImages)
Sergio Muniz (GettyImages)

Sergio Muniz è stato uno dei protagonisti dell’ultima edizione di ‘Tale e quale show’. Lo spagnolo, che stasera tornerà sul piccolo schermo in quanto protagonista di ‘Sharm el Sheikh – Un’estate indimenticabile’, film in onda su Cine34, ha messo in evidenza la sua poliedricità e la sua bravura, cimentandosi in alcune imitazioni e interpretazioni che hanno senza alcun dubbio colpito tutti. A colpire ancor di più però è sicuramente il passato dell’iberico. Questo è un argomento che lui ha toccato in più di un’occasione. Ma che cosa c’è di particolare? Giusto entrare nel dettaglio e spiegare.

LEGGI ANCHE -> Sergio Muniz, ecco chi è la sua fidanzata

Sergio Muniz, che cosa faceva in passato? Il suo racconto

sergio muniz
Sergio Muniz (Getty Images)

Le sue origini a dir poco umili sono probabilmente una sua caratteristica che in pochi conoscono. Il tutto è stato confessato in una puntata de ‘I Soliti Ignoti’. Infatti, dopo che la concorrente in gara era riuscita ad indovinare la sua identità segreta, il buon Sergio ha fatto una confessione sul suo passato. Un qualcosa che ha stupito il pubblico da casa, che, molto probabilmente, non si aspettava quelle sue parole. Ma che cosa ha detto lo spagnolo?

LEGGI ANCHE -> Morena Firpo fidanzata Sergio Muniz: la donna gli ha salvato la vita

L’attore è originario di Bilbao e ha fatto una gavetta che può esser definita a dir poco particolare. Di certo questa non ha alcun legame con  il mondo dello spettacolo. Infatti il ragazzo si alzava presto tutti i giorni per andare, in compagnia di suo papà, al mercato della frutta. Insomma, l’iberico ha fatto davvero tanti sacrifici prima di arrivare al successo. Il suo sbarco in Italia ha senza alcun dubbio rappresentato la svolta per la sua vita professionale e lavorativa. Il passato però non si dimentica.