Home Storie Hugh Jackman, il cancro che ha rovinato la vita dell’attore

Hugh Jackman, il cancro che ha rovinato la vita dell’attore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:39
CONDIVIDI

Hugh Jackman, la sua tragedia iniziata dal 2013 e non ancora finita. Ecco che rivolge un appello a tutti i suoi fan. Capiamo come sta e cosa ha detto.

Hugh Jackman

Il protagonista del film “Logan- The Wolverine” in onda stasera su Italia 1, un film di fantascienza, che ci catapulta in un mondo in cui gli X-Men non esistono più e Logan è invecchiato e con esso anche il suo potere. Hugh Jackman, il protagonista del film, attore hollywoodiano per eccellenza, ci racconta la sua storia tragica a contatto con il cancro.

LEGGI ANCHE —> Hugh Jackman interrotto dalla figlia durante uno spettacolo teatrale

Hugh Jackman: “Trovato un altro carcinoma”

Hugh Jackman

Ecco la frase che dal 2013 il grande attore ha dovuto ascoltare molto spesso. Un errore di gioventù, così lo definisce. Ma di cosa stiamo parlando? Nel 2013 Hugh si era sottoposto ad un primo intervento per asportare un carcinoma basocellulare, stessa operazione ripetuta anche nel 2014 e così sino ad arrivare al 2017. Sei interventi a cui l’attore si è dovuto sottoporre. Ma capiamo come ha scoperto questo tumore. Stava girando X Men: Days Of Future Past, nei panni di Wolverine, quando il suo truccatore gli disse che aveva una macchia rossa sul naso, lui ha subito pensato che fosse un graffio causato dalle varie lotte sul set. La settimana dopo si è riproposta la stessa situazione e Hugh ha continuato a non darci peso, sino a quando più persone tra cui la moglie e il truccatore gli dissero di andare a farlo controllare. Ecco che qui fece l’amara scoperta.

LEGGI ANCHE —> Hugh Jackman salva Zac Efron da un incendio

Il medico gli ha diagnosticato un cancro alla pelle. Quando ha appreso questa tragica notizia ha confessato che è stato uno shock. Adesso l’attore ha lanciato una campagna di sensibilizzazione sugli enormi danni che il sole può fare. Per il resto ha imparato a convivere con la malattia, come dice il protagonista di Wolverine “Mi sottopongo a controlli ogni tre mesi, ormai è la normalità”.