Home Televisione Federica Panicucci molto preoccupata: “Non so come fare”

Federica Panicucci molto preoccupata: “Non so come fare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:17
CONDIVIDI

Federica Panicucci sembra essere davvero molto preoccupata in questo periodo. Ma che cos’è a turbarla? C’entrano i suoi figli.

Federica Panicucci

Federica Panicucci è senza alcun dubbio una delle conduttrici del momento. Cosa nota è infatti la sua conduzione di ‘Mattino Cinque‘, il programma che accompagna i telespettatori durante le mattinate, anche in questo momento così difficile e complicato. Ed è proprio legandosi a quest’ultima che la presentatrice ha voluto fare una confessione che forse in pochi si sarebbero aspettati. Ma che cosa ha detto? Le sue parole non sono certo passate inosservate e non hanno lasciato indifferenti i suoi fan.

LEGGI ANCHE -> Federica Panicucci, non è vero: i fan non ci credono

Federica Panicucci si preoccupa per i figli: ecco che cosa succede

Federica Panicucci,

La donna ha rilasciata una lunga e interessante intervista ai microfoni del noto settimanale ‘Oggi’. Federica si è soffermata sulle difficoltà di questo periodo, caratterizzato dall’emergenza sanitaria creata dal Covid-19. Queste le sue parole: “Cerco di seguire con scrupolo le indicazioni che vengono date, ma non mi nascondo: ho paura. Io sono una maniaca del controllo e il Covid non riesco a controllarlo. Tendo a mettere ordine in ogni cosa che riguarda la mia vita, ma questa cosa non riesco a incasellarla, perché è un nemico invisibile e questo mi terrorizza“.

LEGGI ANCHE -> Federica Panicucci e Francesco Vecchi hanno litigato? “Non è stato facile”

La Panicucci quindi non nasconde le sue paure e i suoi timori. La conduttrice lancia anche un appello al rispetto delle regole, unico modo per riuscire a uscire da questa situazione. La sua più grande preoccupazione però riguarda i suoi figli: La didattica a distanza è stata un duro colpo da digerire per dei ragazzi di 13 e 15 anni, ma sono estremamente maturi e sul pezzo“. Insomma, pensieri importanti, ma accompagnata dalla speranza che il peggio prima o poi finirà.