Home Televisione Giulio Golia come sta? Quella richiesta d’aiuto era rimasta inascoltata

Giulio Golia come sta? Quella richiesta d’aiuto era rimasta inascoltata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:03
CONDIVIDI

Giulio Golia come sta oggi? Ecco gli ultimi aggiornamenti sulle condizioni di salute della iena, la cui richiesta d’aiuto ha fatto scalpore.

Giulio Golia commuove i fan

Giulio Golia come sappiamo era stato tempo fa trovato positivo e per questo motivo il conduttore de Le Iene era stato messo in quarantena insieme a sua moglie, che come lui è passata dall’essere asintomatica ad avere delle conseguenze fisiche a causa del contagio derivante da questo tremendo virus.

Il noto inviato del programma di Italia Uno oggi sta bene, è guarito così come sua moglie, tuttavia non ha finito di fare polemica poiché quella sua richiesta d’aiuto è rimasta ancora oggi inascoltata.

Ecco che cos’è successo durante quel difficile periodo in casa, in cui ha avuto sostanzialmente tutti i sintomi: dalla febbre alta al mal di testa forte, passando per alcuni problemi nel respiro, stanchezza ricorrente e perso l’udito all’orecchio sinistro, che ancora oggi non è recuperato del tutto.

LEGGI ANCHE -> Giulio Golia, la confessione della Iena: “Potevo uccidere qualcuno”

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Non avrei mai pensato di essere così felice di indossare la divisa e prendere un semplice caffè al bar 😃 #buonagiornataatutti finalmente #ingiroperlavoro

Un post condiviso da Giulio Golia (@giuliogolia) in data:

Giulio Golia lancia un appello: “Nessuno ti aiuta”

Giulio Golia

Giulio Golia ha voluto mandare un messaggio davvero molto importante, una richiesta d’aiuto che di fatto non è mai stata ascoltata: l’uomo, infatti, ha voluto far presente come anche il solo buttare l’immondizia era diventato un problema poiché quella dei malati di covid deve necessariamente essere trattata in modo diverso.

Ma non solo: anche andare in farmacia è difficile, poiché non è facile “elemosinare”, come ha detto lui, qualche favore da un amico. Inoltre come ha ben precisato anche nel suo servizio, parlare con l’Asl o tramite l’app Immuni non è affatto semplice. 

Insomma, sembra proprio che andare al pronto soccorso fosse la soluzione migliore purtroppo con il rischio di intasare gli ospedali. Un appello che nessuno in quel periodo ha accolto.

LEGGI ANCHE -> Lutto per Giulio Golia, la Iena ringrazia tutti