Home Televisione Giulio Golia, la confessione della Iena: “Potevo uccidere qualcuno”

Giulio Golia, la confessione della Iena: “Potevo uccidere qualcuno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:31
CONDIVIDI

Giulio Golia dopo aver dichiarato la sua positività al Covid ed essere uscito di scena, dichiara che avrebbe potuto fare una strage. 

Giulio Golia
Lutto per Giulio Golia

Giulio Golia a gran voce annuncia il suo ritorno in Tv, dopo un periodo di positività al Covid ora il suo test è negativo quindi lo rivedremo presto a Le Iene. Il suo appello è rivolto contro l’inefficienza della gestione di questo mostro maligno. Confessa che avrebbe potuto realmente uccidere qualcuno, il suo lavoro è stare a contatto con le persone e i colleghi sono venuti a sapere della sua positività 12 giorni dopo.

LEGGI ANCHE —> Lutto Giulio Golia, un dolore insopportabile per la Iena

Giulio Golia come sta oggi?

Giulio Golia

Giulio Golia inizialmente sospettava di essere asintomatico, ma piano, piano che il tempo passava i sintomi si facevano sempre più pesanti, dai primi dolori, alla tosse, problemi ai bronchi, emicrania sino a perdere l’udito dall’orecchio sinistro. Ammette che il Covid a suo volta è stato passato anche alla moglie la quale alternava sbalzi di temperatura dalla febbre a 39 ad una temperatura sotto i 35. Dichiara che stava per portarla in ospedale. Finalmente una bella notizia. Ora Giulio può ritornare alle Iene attendiamo con grande ansia il suo ritorno il 5 novembre con un servizio che riguarda proprio di questo. Il signore delle Iene è andato a far visita alle persone più povere per vedere come vivono sotto il Covid-19. Il problema più grave che ha riscontrato è che queste persone non hanno i mezzi propri quindi se stanno male per andare in ospedale prendono i mezzi di trasporto pubblici aggravando così la situazione circostante.

LEGGI ANCHE —> Giulio Golia sta male, Le Iene preoccupate per l’inviato

Giulio Golia felice di ritornare nella sua casa Le Iene vuole introdurre il dito ancora una volta nell’argomento che in questo mese lo ha toccato più di tutti: il Covid-19.