Home Cinema Gigi Proietti è morto: la tragica coincidenza nel giorno della sua scomparsa

Gigi Proietti è morto: la tragica coincidenza nel giorno della sua scomparsa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:37
CONDIVIDI

Muore oggi Gigi Proietti uno degli artisti più influenti del nostro Paese. Con lui se ne va un pezzo importante dello spettacolo e del cinema.

Gigi Proietti
Gigi Proietti (Fonte: Getty Images)

Si è appresa da poco la notizia della morte dell’attore romano Gigi Proietti, uno degli artisti più importanti del nostro Paese. Solamente ieri si era venuti a conoscenza delle condizioni di salute precarie dell’uomo e la famiglia infatti aveva fatto sapere che la situazione sembrava davvero essere molto grave. La speranza però di una ripresa si era fatta comunque molto forte, specialmente tra tutti i migliaia di fan dello straordinario attore.

LEGGI ANCHE —>Gigi Proietti, una “vita” parallela: pochi lo sapevano

Gigi Proietti, un talento straordinario

Gigi Proietti
Gigi Proietti (Fonte: Getty Images)

Soltanto qualche ora fa avevamo appreso la notizia del fatto che l’attore Gigi Proietti fosse ricoverato con gravi problemi cardiaci in una clinica romana. La famiglia aveva mantenuto quanto più possibile la news lontana dai riflettori, ma aveva poi deciso di farne cenno. Gigi era già da qualche tempo ricoverato con gravi problemi al cuore e le sue condizioni erano già apparse davvero molto serie. La coincidenza più assurda però è che la sua scomparsa avviene proprio oggi, 2 novembre 2020, un giorno molto particolare poiché si celebrano i defunti. Ma non è tutto qua. Nei riguardi di questa data Proietti ci aveva sempre scherzato su, poiché proprio in questo giorno così particolare lui era nato. E oggi infatti Proietti avrebbe compiuto un compleanno davvero molto speciale, il suo ottantesimo.

LEGGI ANCHE —>Sagitta Alter, moglie di Gigi Proietti: una storia particolare

E ci lascia così, senza avere potuto spegnere quelle candeline e festeggiare con tutti coloro che devono e lui la loro carriera o l’hanno sempre apprezzato e amato sul lavoro e nella vita. Un personaggio spettacolare, dal talento innato, unico, dalla spiccata ironia, che con i suoi monologhi catturava l’attenzione e stupiva sempre. Una carriera straordinaria costellata da quello che era di base la sua forza principale, l’essere camaleontico. E in effetti Proietti nel mondo dello spettacolo ha dato davvero tutto se stesso facendo l’attore, il doppiatore, il regista, il cantante, il comico, il conduttore televisivo e molto altro ancora. Un uomo completo, che all’arte aveva dato la sua vita.

Impossibile non pensare ai suoi film come Febbre da cavallo o in tv lo straordinario successo che aveva ottenuto nell’interpretare il personaggio principale della serie Il maresciallo Rocca. Negli ultimi tempi invece lo avevamo visto nuovamente al cinema nel film Pinocchio di Matteo Garrone. Sicuramente una carriera impressionante e lunghissima, cominciata da metà degli anni cinquanta e vissuta fino all’ultimo.

Oggi se ne va davvero un grande, che ha segnato il destino anche di numerosi volti molto importanti del cinema e della televisione. L’uomo infatti nel ’78 aveva preso la direzione artistica del Teatro Brancaccio a Roma e aveva creato anche un suo Laboratorio di esercitazioni sceniche che ha dato fortuna a molti volti dello spettacolo tra cui Flavio Insinna, Enrico Brignano, Gabriele Cirilli, Giorgio Tirabassi e molti altri ancora. La notizia della sua scomparsa getta nello sconforto anche tutti i numerosi fan che sanno di aver perso uno dei personaggi più interessanti, divertenti, ammalianti del mondo del cinema e dello spettacolo.