Home Televisione Ezio Greggio accusa Mediaset: le sue sono parole pesanti

Ezio Greggio accusa Mediaset: le sue sono parole pesanti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50
CONDIVIDI

Un’accusa pesante è stata rivolta da Ezio Greggio a Mediaset. Ma che cosa ha detto lo storico conduttore? Queste le sue parole.

Ezio Greggio
Ezio Greggio (GettyImages)

Un attacco duro quello di Ezio Greggio contro Mediaset. Il conduttore, in un’intervista a ‘Il Secolo XIX’, sostiene che ormai nessuno più guarda qualcosa che può nobilitarti l’animo, come il suo programma La sai l’ultima, che ha ottenuto solo il 10% di share. Si chiede dunque dove sono le persone? In giro, a cena, a ballare? No, eccole tutte con gli occhi puntati su programmi che vedono protagonisti gruppi di uomini in una casa o dispersi su un’isola. Ma poi il pubblico, secondo l’attore, finisce comunque per abbandonarti.

LEGGI ANCHE —> Ezio Greggio, nessuno poteva aspettarsi questo epilogo

Ezio Greggio, è confronto con Mediaset?

ezio greggio
Ezio Greggio

Ezio Greggio attacca Mediaset, non gli scivolano addosso le scelte dell’azienda. Dopo la critica, alquanto pesante, fatta dallo storico presentatore di Striscia La Notizia, in cui dichiara di amare la tv, ma quella fatta con una certa classe ed eleganza, e di andare contro Mediaset poiché la accusa di una programmazione che porta lo schiacciamento dell’intelletto popolare causato da quei reality e dalla “massa di disgraziati” che ne fanno parte.

Ezio Greggio, è già nell’occhio del ciclone con il nuovo e super criticato film “Lockdown all’Italiana, vuole avere tutti gli occhi su di sé, specialmente quelli di Mediaset. Ecco perché continua a battersi contro i reality show definendoli il peggio per la società. Dalle parole del conduttore questa è una pura critica costruttiva, un voler stuzzicare Mediaset con la speranza di avere un riscontro e perché no anche un miglioramento.

LEGGI ANCHE —> Ezio Greggio al centro delle polemiche

Siamo tutti in attesa del responso di Mediaset. Cosa potrà succedere? Si può pensare realmente ad un radicale cambiamento dei contenuti? Ma soprattutto il pubblico ne sarebbe favorevole?