Home News Lutto nel mondo del design: è morto un visionario del nostro tempo

Lutto nel mondo del design: è morto un visionario del nostro tempo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:21
CONDIVIDI

Ci ha lasciato ad 88 anni una leggenda del design italiano, Enzo Mari, famosissimo per aver progettato dei pezzi unici.

lutto nel mondo del cinema

Enzo Mari era ricoverato al San Raffaele da alcuni giorni e a diffondere la notizia sono stati i tweet di chi gli era più vicino, almeno professionalmente. Primo di tutti Stefano Boeri, architetto italiano, che per primo ha scritto un tweet commemorativo per l’artista e, in seguito, in molti hanno commentato la scomparsa, anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala. Se ne va un gigante è l’opinione unanime, ma Enzo Mari era molto di più.

Leggi anche –> Lilli Gruber, paura per la conduttrice: arriva la decisione drastica

Enzo Mari è morto: la vita di un grandissimo designer

Enzo Mari
Enzo Mari

Proprio in questi giorni si era presentata un’antologica dedicata a Enzo Mari, un autentico punto di riferimento per il design italiano. L’uomo, vincitore di ben compassi d’Oro, è stato l’ideatore del vassoio Putrella per Dainese, delle posate Piuma per Zani&Zani e di decine di provocazioni fatte per invogliare le persone ad avere una visione del mondo più critica. In totale Mari è stato l’autore di oltre 1500 oggetti, quasi tutti realizzati da aziende italiane. Le sue opere sono esposte nei maggiori musei d’arte del mondo, tra i quali la Galleria Nazionale d’arte Moderna di Roma, il MoMA di New York e il Triennale Design Museum di Milano.

Inoltre non c’è da dimenticare che Enzo Mari ha donato al Comune di Milano il suo archivio con tutta la sua attività dal 1952 al 2015. Dal 1961 al 2011 è stato anche attivo in diverse pubblicazioni di design, ad oggi punto di riferimento per moltissimi studenti, che possono apprezzare il suo pensiero critico e la sua capacità di rendere unico ogni oggetto, apparentemente banale nel suo uso quotidiano, unico. Se ne va un gigante, certo, ma se ne va un provocatore, un genio, qualcuno che non si è limitato a far scuola, ma a smuovere le coscienze con la sua arte e, soprattutto, un uomo da cuore così grande da donare tutti i suoi progetti per la città che amava.

Leggi anche –> Lutto sui social: morta una famosa influencer negazionista