Home Cinema I Mercenari: testosterone a non finire per il film di Sylvester Stallone

I Mercenari: testosterone a non finire per il film di Sylvester Stallone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:30
CONDIVIDI

Impresa goliardica e ironica o progetto che sulle prime si è preso troppo sul serio, ne sono state dette tante su I Mercenari, ma sicuramente quello che non manca è l’intrattenimento.

I Mercenari - Locandina
I Mercenari – Locandina

Non si può certo urlare al capolavoro con I Mercenari, questo sembra evidente. Tuttavia il film riesce nell’intento di divertire con azione ai limiti dell’assurdo – motivo per cui si è disposti a credere che no, Stallone non si è preso troppo sul serio. Senza dubbio è basato su una trama molto semplice: un gruppo di abili mercenari è pronto ad intervenire lì dove il governo non può e il gruppo guidato da Barney Ross (Sylvester Stallone) si avvia in Somalia in uno scontro con dei pirati armati fino ai denti.

Inoltre un enigmatico agente della CIA (Bruce Willis) propone a Ross di aiutare l’agenzia rovesciare il dittatore dell’isola di Vilena in affari con un’ex spia doppiogiochista che a sua volta aveva ingaggiato i pirati.
Il punto di forza del film è senza dubbio, infatti nell’ironia che regge tutto il film: è evidente che le scene sono esagerate per essere state pensate in via del tutto seria e, visto da questa prospettiva, il film è a dir poco esilarante e porta a termine il suo compito di intrattenere il pubblico.

Leggi anche –> Eleonora Daniele contro Fedez: “Insulti e minacce sul web”

I Mercenari: alcune curiosità sul film

I Mercenari
I Mercenari

Sulle prime può risultare spiazzante che i protagonisti de I Mercenari siano tutte star piuttosto attempate, dallo stesso Sylvester Stallone ad Arnold Schwarzenegger passando anche per Mickey Rourke, ma è proprio questo l’aspetto divertente del film. Per altro è la prima volta che Stallone, Schwarzenegger e Willis – tre icone del cinema d’azione – recitano insieme e la cosa non è una casualità: il film si propone infatti di riunire tutte le star del genere in un prodotto corale quasi grottesco. Altri interpreti del film sono infatti star d’azione impresse nell’immaginario comune, da Jason Statham a Jet Li, Dolph Lundgren e l’esilarante Terry Crews.

Inoltre Stallone non rinuncia a del romantico citazionismo che ricade anche su una delle sue pellicole più famose. Il nome del suo personaggio, Barney Ross, si riferisce ad un omonimo boxer realmente esistito; Barney Ross fu, tra i pochi pugili della storia ad avere detenuto, contemporaneamente, i titoli mondiali di tre diverse categorie e fu anche considerato un eroe per le sue imprese durante la seconda guerra mondiale. Un pugile, vi ricorda qualcosa?

Ma c’è un aneddoto ancora più assurdo che riguarda sempre Stallone: l’attore è stato citato in giudizio per plagio da uno sceneggiatore, Marcus Webb, che sosteneva di essersi visto copiare la sceneggiatura, per lui molto simile a The Cordoba Caper, scritta da Webb nel 2006. Fortunatamente nel 2012 Stallone vince la causa, potendo così portare avanti la saga, che ad oggi conta 3 film – e indiscrezioni che sono circolate su un possibile quarto.

Per chi si fosse per il film e vuole passare meno di due ore in totale relax e divertimento, questa sera I Mercenari sarà riproposto da Rai Movie alle ore 21.10

Leggi anche –> Alessia Marcuzzi come sta? Ecco quando potrà tornare in tv